virus yezo

Cos’è il virus Yezo? Dobbiamo averne paura?

Condividi questo articolo:

virus yezo

Trasmesso dalle zecche, gli effetti ha sull’uomo

Il virus Yezo è un virus finora sconosciuto che è stato recentemente scoperto in Giappone. A quanto dicono gli scienziati si trasmette tramite punture di zecca e provoca febbre e una riduzione delle piastrine e dei globuli bianchi.

Lo studio che racconta questa scoperta, pubblicato su Nature Communications, spiega che almeno sette persone sono state infettate da questo orthonairovirus in Giappone dal 2014 ma che, finora, nessun decesso è stato confermato.

È molto probabile che la malattia si trovi al di fuori di Hokkaido, quindi dobbiamo indagare con urgenza sulla sua diffusione“, ha detto in un comunicato stampa universitario Keita Matsuno, virologo presso l’Istituto internazionale per il controllo delle zoonosi dell’Università di Hokkaido.

Sono stati due i casi che hanno fatto partire la ricerca su questo nuovo virus, avvenuti tra il 2019 e il 2020: persone ricoverate in ospedale con febbre e dolore alle gambe dopo essere stato morse da zecche.

Le analisi genetiche dei virus nei campioni di sangue dei due pazienti hanno identificato un virus che non era mai comparso prima: il virus Yezo, appunto.

I test su campioni di sangue di altri pazienti ospedalieri che avevano sintomi simili dopo i morsi di zecca dal 2014 hanno rivelato altri cinque pazienti che sono entrati in contatto con il virus Yezo negli ultimi anni.

I ricercatori sono quindi passati alla ricerca della fonte del virus e hanno trovato anticorpi per il virus in cervi sika e procioni di Hokkaido e RNA del virus in tre principali specie di zecche a Hokkaido, secondo lo studio.

Le malattie trasmesse dalle zecche sono una minaccia globale, quindi occorre prestare attenzione.

Questo articolo è stato letto 9 volte.

giappone, hokkaido, puntura di zecca, virus yezo, zecche

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net