ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fisco: governo apre a sindacati, si valuta decontribuzione lavoratori sotto 35mila euro-**Spazio: Ixpe pronto al decollo, il 9 lancio missione congiunta Asi-Nasa**-**Arte: è morto Lawrence Weiner, tra i fondatori della Conceptual Art** (2)-Fisco: fonti, 'governo valuta contributo solidarietà per redditi oltre 75mila euro'/Rpt-Quirinale: stupore per interpretazioni su ddl no rieleggibilità e semestre bianco-**Scuola: incontro informale governo-studenti, sottosegretaria Floridia 'oggi a Villa Borghese'**-Violenza su donne: Cdm approva ddl-Penny Market e Coripet insieme nel riciclo del Pet-Dentis (Coripet): "Riciclo Pet con Penny Market in linea con obiettivi Ue"-Pierdomenico (Penny Market): "Prosegue il nostro impegno sulla sostenibilità"-Imprese: Amaplast, ripresa a doppia cifra per macchine plastica e gomma-Imprese: Amaplast, ripresa a doppia cifra per macchine plastica e gomma (2)-Successo per 'Piantiamola di inquinare!' di Bper, tagliate 12 ton di CO2-**Corruzione: Montante, 'accessi abusivi li faceva fare Cicero, non io'**-Giornata internazionale delle persone con disabilità, Airbnb diventa sempre più accessibile-Manovra: Berlusconi, 'ok misure riduzione fiscale, impulso a crescita'-Corruzione: Montante, 'maggiore Gdf non mi chiese assunzione di un familiare'-Fisco: Tajani, 'contributo solidarietà? Se è patrimoniale non siamo d'accordo'-**Centrodestra: Tajani, 'voto segreto ieri in Senato? Fi non ha mai votato con sinistra'**-Quirinale: Prodi, 'io al Colle? Una sfida alla provvidenza'

Il ritorno dell’Ebola in Congo

Condividi questo articolo:

Un nuovo focolaio di virus Ebola travolge la Repubblica Democratica del Congo

Malauguratamente, il virus mortale Ebola è tornato nella Repubblica Democratica del Congo. Un nuovo focolaio di questa malattia ha bloccato la città nord-ovest di Bikoro con molti casi sospetti.

Il primo caso di Ebola documentato nella Repubblica Democratica del Congo risale al 1976: da allora sono stati registrati nove focolai del virus. Tra il 2014 e il 2016, un’epidemia di Ebola senza precedenti ha colpito l’Africa occidentale contagiando 28.000 persone, uccidendone 11.000 e sconvolgendo il mondo. Tuttavia, questa ultima riemergenza del virus non è ancora motivo di panico: gli scoppi precedenti sono stati contenuti, in parte grazie alla vastità dell’area del paese che, presentandosi inaccessibile in molte zone, inibisce i viaggi così come gli scambi tra le città.

L’ultimo caso di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, invece, si è verificato nel villaggio di Likati nel 2017 – tuttavia il virus è stato contenuto in quarantadue giorni.

Guidato da Jean-Jacques Muyembe Tamfum, il primo scienziato a documentare l’Ebola, l’Institut National de Recherche Biomédicale (INRB), ovvero la struttura che si sta occupando e che sempre si occupa di rispondere alle epidemie di Ebola, è un centro molto avanzato di sanità pubblica che funziona a diversi livelli, partendo dal monitoraggio e dalla segnalazione tempestiva dei casi incontrati. Per rispondere a questo focolaio, l’INRB riceverà anche l’assistenza di esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e di Medici Senza Frontiere.

La principale sfida della Repubblica Democratica del Congo è sicuramente la mancanza di risorse, un problema che potrebbe essere esacerbato dalla recente richiesta di Trump di tagliare 252 milioni di dollari in finanziamenti per il sostegno internazionale contro questo virus – la speranza è che il Congresso, nei 45 giorni che gli restano per decidere se esaudire questa richiesta di Trump, non faccia niente, in modo che questi finanziamenti rimangano in vigore.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

Congo, ebola, focolaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net