ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calderone: "Protesta giovani professionisti perché ignorati da politica"-Lav, mucche in condizioni raccapriccianti in allevamento già denunciato-**Dl semplificazioni: bozza, Commissario Arcuri si occuperà di ripresa anno scolastico**-Villarosa: "Piazza Affari deve tornare sotto controllo italiano"-Mafia: arresti Trapani, gip nega manette per ex deputato Ruggirello-Vivendi: rafforza i suoi impegni di Corporate Social Responsibility-Mafia: ordinanza, 'arresto Ruggirello duro colpo per boss Asaro'-Fase 3: prezzi case a Milano già in aumento, nel secondo trimestre +7%-Psoriasi malattia sottovalutata, mozione per 'Carta delle priorità'-Coronavirus: hotel Michelangelo ha ospitato 511 persone in quarantena, età media 42 (2)-Dl semplificazioni: Conte, 'legalità e trasparenza, procedure veloci per certificazione antimafia' (2)-Dl semplificazioni: Conte, 'ricostruzioni più semplici ma senza consumo suolo'-Aspi: Conte, 'non siamo ancora riusciti a sbloccare dossier, concessionario blindato'-Alitalia: Conte, 'compagnia deve camminare con proprie gambe'-**M5S: Casaleggio arrivato a P.Chigi per incontro con Conte**-Ex Ilva: Conte, 'ritardo ma dossier va avanti'-Dl semplificazioni: Conte, 'legalità e trasparenza, procedure veloci per certificazione antimafia'-Coronavirus: hotel Michelangelo ha ospitato 511 persone in quarantena, età media 42-Pil: Conte, 'calo significativo e previsto, non ci lasciamo spaventare'-Industria: Spada (Assolombarda), 'sì a 4.0 strutturale, mai compreso perché smontata'

Tessuti sostenibili per Zara

Condividi questo articolo:

Il marchio di moda Zara ha annunciato che i suoi abiti saranno al 100% sostenibili entro il 2025

Questa settimana, Zara ha fatto una promessa: entro il 2025, l’azienda utilizzerà tessuti al 100% sostenibili. Ma non solo. La società ha anche alzato la posta per quanto riguarda l’energia, promettendo che, con la stessa scadenza del 2025, userà l’80% di energia rinnovabile per la sua sede, le sue fabbriche e i suoi negozi.

La Inditex, che possiede Zara, è la terza più grande azienda di abbigliamento al mondo e ha fatto sapere che anche i suoi altri marchi seguiranno questo esempio – Zara è di gran lunga il marchio più importante della società, con il 70% delle vendite, che ha totalizzato 26 miliardi di Euro l’anno scorso.

La chiave del piano di sostenibilità di Zara è segnare un aumento nelle offerte e nella vendita della sua linea ecologica Join Life, ma l’azienda collabora anche con la Croce Rossa per donare l’assortimento rimanente e ha un progetto in corso con il Massachusetts Institute of Technology per trovare nuovi metodi innovativi per riciclare i tessuti.
Questo annuncio arriva dopo una crescente pressione da parte dei consumatori di tutto il mondo che desiderano avere la possibilità di scegliere una moda sostenibile, contro gli sprechi generati dall’industria della moda veloce – recentemente, per esempio, la Conscious Collection di H&M (inserire qui il pezzo di Luglio La Norvegia sfida il marchio H&M sulla sostenibilità) è stata accusata di pubblicità ingannevole dall’associazione dei consumatori norvegese.

Zara sostiene di non essere «fast fashion», ma i critici e gli esperti del settore non si fidano soltanto delle parole e, analizzando il piano di sostenibilità, hanno anche notato che il marchio non affronta le problematiche riguardanti le condizioni degli operai – che, come ricorderete, alla fine del 2017, a Istanbul, per sensibilizzare l’opinione pubblica, avevano inserito dei bigliettini di denuncia negli abiti.
Staremo a vedere.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

abbigliamento, sostenibilità, vestiti, Zara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net