ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Quirinale: N. Dalla Chiesa, 'oltre 10mila firme appello per Bindi candidata'-Sci: Cdm, Ryding vince slalom Kitzbuehel e Sala sesto-Sci: Sbrollini (Iv), 'Goggia incanta, è la regina delle Dolomiti'-Covid: raddoppiati suicidi tra giovani, 'serve piano per salute mentale' dopo lockdown (2)-**Quirinale: Provenzano, 'spero da incontro Letta-Salvini candidato condiviso'**-Armetta (Avvocati Palermo): “No a giustizia basata solo su celerità a discapito diritti”-Giustizia: Ordine Avvocati Palermo, 'Ufficio del processo non sarà la panacea' (2)-Da vaccini a varianti, in un libro '101 domande e risposte' sul Covid-Giustizia: presidente C. Appello Milano, 'violenza bande giovanili aggravata da lockdown'-Giustizia: presidente C. Appello Milano, 'violenza bande giovanili aggravata da lockdown' (2)-Scuola, Costarelli (presidi Lazio): "Al II contagio pochissimi vaccinati seguono in presenza"-Scuola, Crimì (Forum famiglie): "Genitori hanno paura, vaccinati a II contagio stanno a casa"-Quirinale: Calenda, 'Sardine? Non ci facciamo mancare nulla...'-Tennis: Australian Open, Rublev ko al 3° turno con Cilic-Giustizia: corte Appello Milano, 'enorme aumento cause lavoro per stipendi bassi'-Quirinale: Lollobrigida, 'Fdi per Presidente che difenda interessi nazionali'-Calcio: Italiano, 'Vlahovic? Non vedo l'ora che finisca il mercato'-Calcio: Balotelli ritrova l'azzurro, sarà convocato per lo stage di fine gennaio-Calcio: Balotelli ritrova l'azzurro, sarà convocato per lo stage di fine gennaio (2)-**Quirinale: domani alle 15 assemblea grandi elettori Leu**

Riciclo: cosa fare con le bombe?

Condividi questo articolo:

Nei villaggi del Laos, le bombe vengono riciclate per fare di tutto, perfino le barche

 

Il paese più pesantemente bombardato (pro capite) nella storia è il Laos: gli Stati Uniti, come parte di una guerra segreta della CIA, non hanno fatto altro che far piovere bombe su questo piccolo Paese per anni. Dal 1964 al 1973, durante la guerra in Vietnam, più di 270 milioni di bombe sono state buttate sul Laos, in un fallimentare tentativo di tenere a bada il comunismo: questo vuol dire che, per nove lunghi anni, ogni otto minuti, un aereo carico di bombe sorvolava quelle terre col solo intento di distruggerle.

Nonostante tutto il tempo che è passato, ancora oggi, gli abitanti dei villaggi laotiani risentono di quei disastri e cercano la maniera di ripulire quel pasticcio, per dimenticare quel dramma, forse, o forse proprio per non dimenticarlo mai.

Durante un lungo viaggio in bicicletta attraverso il Paese, a 40 anni dalla fine della campagna di bombardamenti, il fotografo Mark Watson ha notato qualcosa di insolito: si è reso conto che ovunque guardasse vedeva gli scarti di quella guerra utilizzati in maniera straordinaria.

I rottami metallici che sono rimasti a testimonianza di quel periodo orribile sono diventati merce, in Laos: vengono raccolti, venduti e rielaborati per un utilizzo nella vita quotidiana. Ci si fa la base per una casa così come una fioriera, le scatole così come i secchi, le tazze come i campanacci, fino a farci perfino le barche

Raccogliere i vuoti delle bombe è un mestiere davvero molto pericoloso. Più di 80 milioni di bombe non sono esplose quando sono state sganciate e i laotiani continuano a trovarsi di fronte a una media di due morti a settimana causati dalle esplosioni delle vecchie bombe e dagli incidenti in miniera. Diverse Organizzazioni Non Governative lavorano per eliminare questo pericolo, ma il ritmo con cui lo fanno, visto il numero elevato di ordigni, fa sì che ci vorranno più di 100 anni per trovarli e rimuoverli tutti.

La maggior parte degli americani non sa nemmeno che questi bombardamenti siano mai accaduti, mentre il popolo del Laos non è in grado di sfuggirne, visto che i ricordi fisici di quella guerra sono diventati parte integrante della loro vita, del loro lavoro e del loro paesaggio.

EC

Questo articolo è stato letto 26 volte.

bombe, guerra, riciclo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net