ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: Serie A, nove squalificati per un turno-Sci: Mondiali, Kilde leader davanti a Innerhofer dopo la prima prova della discesa-**Sanremo: Fagnani, 'stasera porto il tema della scuola nelle aree più fragili del Paese'**-Calcio: Serie A, Cremonese e Samp vicine a retrocedere, in quota Verona punta a rimonta-**Sanremo: Amadeus, 'Blanco mi ha chiamato e ha chiesto scusa'**-F1: Leclerc guida ad Abu Dhabi la Ferrari 2003 di Schumacher, 'incredibile guidare questa bestia'-Calcio: De Laurentiis, 'Osimhen non è in vendita, Napoli non ha debiti e non ha bisogno di cedere'-Huawei nelle piazze d’Italia con ‘SmartBus’ per promuovere la sicurezza digitale-Video porno con minorenne, giovanissima salvata da scuola e polizia-Sci: Bassino, 'ho tremato fino alla fine e ora sono felice, la vittoria è il coronamento del lavoro'-Sci: Mondiali, Bassino trionfa nel superg davanti a Shiffrin e conquista il 2° oro per l'Italia-Alimentare: Meloni, 'patrimonio da difendere, tra priorità governo'-La stanza su Airbnb per combattere il caro vita-'Ndrangheta: Meloni, 'con Strangio 3° arresto in pochi giorni, lotta a criminalità priorità governo'-Covid, nuovo test molecolare rapido distingue tra virus e influenza A e B-Alimentare: Meloni, 'faremo valere posizioni Italia in tutti dossier strategici'-Calcio: Serie A, gli arbitri della 22/a giornata-**Agricoltura: Meloni, 'agroalimentare forte e in salute, oltre 60 mld export ma può crescere'**-Agricoltura: Meloni, 'pilastro Italia, per governo patrioti è strategico'-Federdistribuzione: 'Evitare impatto inflazione sui consumi'
amazzonia

Per salvare l’Amazzonia tutti possono contribuire

Condividi questo articolo:

amazzonia

Un nuovo metodo per permetterci di controllare l’Amazzonia mentre siamo seduti sul nostro divano

La questione dell’Amazzonia è centrale per molte persone, anche se non tutti hanno la possibilità di dimostrarlo trovando un modo per essere utili contro la piaga della deforestazione. Da oggi, però, arriva un nuovo sistema di tracciamento online che potrebbe permettere a tutti i cittadini di poterlo fare, aiutando gli scienziati a monitorare l’Amazzonia via satellite.

“Non devi essere uno scienziato del clima, non devi essere uno scienziato dei dati, devi solo essere un cittadino preoccupato per il problema della deforestazione”, ha detto Elliot Inman, ricercatore presso la società di analisi dei sistemi SAS, come riportato in Huffington Post.

SAS, infatti, ha collaborato con l’International Institute for Applied Systems Analysis per creare un’app che permette agli esseri umani di guardare le immagini e aiutare l’addestramento dell’intelligenza artificiale per individuare la deforestazione.

È il World Resources Institute a supervisionare questo sistema di monitoraggio, che si chiama Global Forest Watch.

Innanzitutto, un algoritmo informatico scansiona le immagini in arrivo. Quando identifica un luogo in cui gli alberi sono recentemente scomparsi, contrassegna quell’immagine.

Gli occhi delle persone sono necessari per aiutare a discernere cosa potrebbe aver causato la scomparsa.

I volontari, quindi, scansionano le immagini alla ricerca di segni di impatto umano, come strade, terreni agricoli o linee di alberi sospettosamente diritte. Questo input umano aiuta ad addestrare l’intelligenza artificiale, in modo che alla fine il sistema sarà in grado di digerire le immagini più rapidamente da solo.

Il sistema ovviamente si basa sulla partecipazione del maggior numero possibile di utenti, anche perché a volte è difficile determinare se una macchia su un’immagine è dovuta agli esseri umani che bruciano gli alberi per avere più spazio per i loro affari, agricoli e non, oppure se si tratta di un incendio boschivo naturale.

I dati raccolti dal sistema aiuteranno le organizzazioni di conservazione e i governi a identificare quando dovrebbero intervenire per proteggere gli ecosistemi.

In futuro, Global Forest Watch potrebbe persino aiutare a prevedere dove avverrà la prossima deforestazione. L’unica cosa che serve per partecipare è una connessione internet e un po’ di tempo, visto che, appunto, lo si può fare anche stando seduti sul divano.

 

Questo articolo è stato letto 64 volte.

Amazzonia, conservazione, ecosistema, foresta amazzonica, global forest watch, monitoraggio, utenti

Comments (6)

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net