Tassare bibite zuccherate e olio di palma? Arriva la proposta di legge

Condividi questo articolo:

Aumentare le tasse su bibite gassate e grassi aiuterebbe i cittadini a seguire una dieta più sana?

La lotta a bibite zuccherate e olio di palma può passare anche dall’aumento della loro tassazione? Secondo tre senatori di ‘Sinistra italiana’ sì; per questo Francesco Campanella, Loredana De Petris e Fabrizio Bocchino hanno presentato un disegno di legge per aumentare il carico fiscale su olio di palma e bibite contenenti zuccheri.

L’intento finale è scoraggiare la diffusione di questi prodotti tutelando la popolazione dai rischi derivanti da una cattiva alimentazione come obesità e malattie cardiovascolari.

Anche la British Medical Association (Bma) ha chiesto al Governo Britannico di imporre una maxi tassa sul consumo di bibite zuccherate e gassate.

L’IVA per l’olio di palma, ricco di grassi saturi, verrebbe alzata dal 4% al 22%. I grassi idrogenati o parzialmente idrogenati passerebbero da un’IVA al 10 a una al 22%.

Anche le bibite zuccherate, quelle cosiddette ‘di fantasia’, subirebbero una tassazione maggiore e i fondi ricavati andrebbero a finanziare campagne informative per una corretta alimentazione.

Una campagna contro le bibite gassate e zuccherate è partita anche a San Francisco.

 

 

Questo articolo è stato letto 13 volte.

bibite gassate, Proposta di legge, San Francisco, Sinistra Italiana, tassa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net