ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ecco i politici di sinistra finanziati da 'Social Changes', società dell'ex guru di Obama-Università Tor Vergata, TVx Students' speech contest: vince Elisa Draghin-Campari Group, raddoppiata capacità produttiva di Aperol stabilimento Novi Ligure-Savino (Ordine Ingegneri): "Capire i bisogni dei clienti"-Bayern Monaco, Zidane in pole per panchina-Medicina, sindrome intestino irritabile e sistema cardiovascolare sono legati-"Non ha prodotto i risultati auspicati", stop della Rai al programma di Chiara Francini-Ucraina-Russia, Mosca "pronta a colloqui ma non con Zelensky"-Da Provenzano a Bonafoni, ecco i dem finanziati da 'Agenda' vicina a Soros-Bonifico istantaneo, vantaggi e rischi: occhio a revoca e costi aggiuntivi-Attacco hacker ai laboratori Synlab: sospese le attività in tutta Italia-Ai, Iannicelli (Ordine Ingegneri): "Fondamentale dare peso a metrologia scienza trascurata"-Kate Middleton "più popolare di Diana perché rifiuta il ruolo di vittima"-Nave Iuventa, dopo 7 anni tutti prosciolti: non c'era nessun favoreggiamento dell'immigrazione-Donne sottorappresentate negli studi clinici, l’infettivologa: "Con Hiv, più fragili"-Professioni, Salvini: "Trattamento economico migliore per ingegneri che lavorano per Pubblico"-Rai, accordo con Unirai: riconosciuto nuovo sindacato giornalisti-Parigi, uomo in consolato Iran minaccia di farsi esplodere: arrestato-Bper, assemblea nomina cda per triennio 2024-26, 7 posti su 15 a lista Unipol-Attacco Israele all'Iran, cosa è successo e cosa dicono gli Usa

Moda e vestiti ecosostenibili, per un futuro migliore

Condividi questo articolo:

Anche la moda percorre la strada della sostenibilita’. Se ne discute a Milano alla vigilia delle sfilate maschili della Fashion Week

 

Moda all’insegna dell’ecosostenibilità. Alla vigilia dell’inizio delle sfilate maschili della Fashion Week milanese, il commissario europeo per l’azione per il clima Connie Hadegaard ha incontrato nel capoluogo lombardo esponenti dell’industria della moda e produttori di detergenti e di elettrodomestici per esplorare le strade per una moda più responsabile nel suo intero ciclo di vita, dalla produzione, fino al consumatore. Durante il dibattito, organizzato a Palazzo Reale, è emersa un’urgenza che nasce sulle passerelle, perchè ogni anno vengono prodotti nel mondo circa 80 miliardi di capi di abbigliamento, con 25 kg di Co2 emessi per ogni chilogrammo di abiti nuovi. Da qui nasce la consapevolezza che, anche se ”sono tante le cose che si possono fare per tutelare l’ambiente, agendo ad esempio sulla mobilità e sulle infrastrutture – ha osservato il commissario – anche il business della moda deve impegnarsi”. Il cambiamento, però, non deve partire solo dai produttori, ma anche dal basso, per cui è “necessario – ha affermato Rossella Ravagli, manager CSR e sostenibilita’ di Guccii – informare i clienti sul percorso degli abiti che indossano: da dove viene il materiale, in che Paesi produciamo e quanto incidiamo sull’ambiente”. Moda responsabile non significa soltanto rispetto dell’ambiente, ma anche dignità dei lavoratori che operano nel settore.

(g.cat.)

Questo articolo è stato letto 22 volte.

ambiente, ciclo di vita, consumatore, milano, moda, produzione, sfilate, sostenibilità

Comments (9)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net