ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Manageritalia, per dirigenti terziario rinnovo contratto rinviato al 2022 senza costi aggiuntivi-Federer crolla con Auger Aliassime, è fuori ad Halle-Monza: all’Autodromo apre pista kart nell’area interna Parabolica, tracciato di 480 metri-**Arte: inchiesta opere De Dominicis, resta a Roma procedimento per Sgarbi e altri venti**-Tridico: "Inps partecipe nel sostegno alla ripartenza"-Calcio: Sassuolo, Dionisi è il nuovo allenatore-Maturità, preside Righi (Roma): "i protagonisti sono gli studenti non i prof, vanno capiti ruoli"-Libri: Premio Biella Letteratura e Industria, scelti i 5 finalisti-Libri: Premio Biella Letteratura e Industria, scelti i 5 finalisti (2)-Tragedia Mottarone: Fiano, 'osceno diffondere video morte in diretta'-Maturità: preside Virgilio, 'a Milano tutto ok, clima positivo e no rischio aumento bocciature'-Maturità: preside Virgilio, 'a Milano tutto ok, clima positivo e no rischio aumento bocciature' (2)-**Covid: nel milanese 75 nuovi casi, 30 a Milano città**-**Pd: Calenda, 'sospeso per critiche a Bettini? provvedimento degno di Ceausescu'**-Inps, al via convenzione 'Inps per tutti, rete agile di Welfare' con Caritas Ambrosiana-Energia, Ue potenzia accesso elettricità nell'area di Virunga-**Roma: 20enne mori’ per buche, a processo titolari ditta manutenzione**-Letteratura: Brontë Society lancia campagna per bloccare asta manoscritti-Letteratura: Brontë Society lancia campagna per bloccare asta manoscritti (2)-Tragedia Mottarone: Malpezzi, 'video non aggiunge nulla, offende dolore'

La più piccola stella del sistema solare

Condividi questo articolo:

I ricercatori hanno appena scoperto la più piccola stella nota alla scienza: si trova a 600 anni luce dalla Terra

È stata chiamata EBLM J0555-57Ab questa stella che risulta essere la più piccola nota alla scienza: solo leggermente più grande di Saturno, la stella fa parte di un sistema binario, in orbita con una stella molto più grande, e si trova a 600 anni luce dalla Terra. 

Come ha dichiarato nel comunicato stampa l’astronomo Alexander Boetticher della University of Cambridge, se solo la stella si fosse formata con una massa leggermente inferiore, la reazione di fusione dell’idrogeno nel suo nucleo non sarebbe avvenuta e la stella si sarebbe trasformata in un nana bruna.

E infatti quello che rende questa stella un caso tanto interessante e peculiare è proprio quello che fa sì che le nane brune vengano definite stelle «fallite»: EBLM J0555-57Ab è solo «abbastanza massiccia» da consentire la fusione di idrogeno nel nucleo, formando l’elio e quindi, come viene descritto nello studio pubblicato su «Astronomy & Astrophysics», essa rimane molto debole e difficile da vedere – è circa 2.000 o 3.000 volte più fredda del nostro Sole.

Questo, insieme alla sua vicinanza alla stella «genitore» EBLM J0555-57A, ha reso la scoperta della piccola stella una vera sfida. Inizialmente, EBLM J0555-57Ab era sospettata di essere un esopianeta che orbitava intorno alla sua stella madre; solo a un esame più attento e vicino, la stella ha rivelato la sua vera natura.

Stelle piccole e fioche come questa sono le prime candidate ad ospitare mondi che potrebbero sostenere la vita perché forniscono ambienti più facili, in cui è più probabile che l’acqua allo stato liquido sopravviva sulle superfici planetarie.

Tuttavia, queste minuscole stelle sono misteriose, anche perché raramente vengono individuate: speriamo che gli scienziati avranno più indizi per trovarle da ora in avanti, avendo imparato come trattarle da questa prima scoperta.

Questo articolo è stato letto 48 volte.

astronomia, EBLM_J0555-57Ab, spazio, stella, stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net