ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Isis, arrestato algerino a Bari: coinvolto in strage Bataclan-Pd: Zingaretti, 'ho voluto dare scossa, se sono problema ci vuole chiarimento, non scompaio' (2)-Covid: Salvini, 'lavoriamo per produrre vaccini in Italia, spero no lockdown'-8 marzo: Salvini, 'donna patrimonio del Paese ma non per aggettivo o sostantivo'-Pd: Zingaretti, 'ho voluto dare scossa, se sono problema ci vuole chiarimento, non scompaio'-Tv: Zingaretti, 'alcuni preferiscono salotti a trasmissioni popolari'-Governo: Zingaretti, 'tutti hanno voluto Conte poi non c'era più nessuno'-Roma: Zingaretti, 'fare il sindaco sarà cosa bellissima, oggi non è mio pensiero e obiettivo'-Dj morta: Procuratore Patti, 'Depistaggio? No, la morte di Viviana compatibile con il suicidio'-Dj morta: Procuratore Patti, 'Depistaggio? No, la morte di Viviana compatibile con il suicidio' (2)-**Covid: Salvini, 'finita pandemia commissione inchiesta internazionale su regime cinese'**-Pd: Oddati, 'Sardine rispettino comunità e Bonaccini, questo è spirito piazza grande'-Covid: Verducci (Pd), 'non bastano vaccini serve tracciamento'-8 marzo: Taverna, 'ripartire da donne e da rappresentanza femminile'-8 marzo: domani premio 'Eccellenza donna' con Giorgia Meloni-8 marzo: domani premio 'Eccellenza donna' con Giorgia Meloni (2)-Roma: Baldino (M5S), 'possibile legge per capitale nonostante uscite scomposte'-8 marzo: Silvestri (M5S), 'ha ragione Grillo, serve cambio culturale'-8 marzo: Federico, 'potere alle donne, M5s motore cambiamento'-Covid: Nesci, 'Sud non è penalizzato in distribuzione vaccini'

L’AIDS non è più la causa principale di morte in Africa

Condividi questo articolo:

Nuovi dati affermano che le morti per HIV sono calate talmente tanto da non essere più al primo posto tra le malattie da temere

Il World Economic Forum ha rilanciato i dati provenienti dall’organismo di controllo Africa Check che suggeriscono che l’AIDS non è più la principale causa di morte per il continente africano. Si stima che siano 760.000 le morti attribuite all’AIDS e alle relative complicanze di questa malattia che sono state registrate in tutta l’Africa nel 2015, rispetto a 1 milione nel 2010, e a 2 (incredibili) milioni nel 2000.

Ora sono le infezioni delle vie respiratorie inferiori ad essere la causa principale della morte, l’HIV è al secondo posto e al terzo ci sono le morti per diarrea – sono ictus e attacchi di cuore che completano la classifica dei primi cinque posti.

Si dice che l’AIDS abbia raggiunto il picco nella maggior parte dei paesi dell’Africa sub-sahariana tra il 2000 e il 2005: nonostante gli sforzi fatti per mitigare il suo effetto mortale, questa terribile malattia è riuscita a mantenere il suo primato per molto tempo. Solo questi nuovi dati, finalmente, sono riusciti a dare un senso a tutti quegli sforzi, dimostrando che sono stati efficaci.

In particolar modo sono stati il miglioramento nelle diagnosi e nel trattamento della malattie i responsabili di questa diminuzione delle morti, insieme alla maggiore disponibilità di informazioni sulla condizione – tuttavia, gli sforzi per aiutare le persone a vivere con la malattia si sono dimostrati più efficaci di quelli per educarle a come evitare di essere infettati.

Su scala globale, ci sono molti progetti che mirano a diminuire ancora e sempre di più la minaccia dell’AIDS per le generazioni future e ci sono anche molte speranze di riuscire a sviluppare una cura o almeno un impianto preventivo.
Speriamo.

Questo articolo è stato letto 57 volte.

africa, aids, hiv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net