ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Covid: cabina regia con Draghi su aperture alle 11**-**Governo: Cerasa (Il Foglio) , ‘chi parla di complotto Conte non sa giustificare sue idee’**-**Russia: Mosca, 'stiamo preparando risposta a sanzioni Usa, a breve l'annuncio'**-Covid: Ultimo, il tour negli stadi rinviato all'estate del 2022-Def: P.Chigi, debito/Pil al 159,8% nel 2021, deficit vola per sostegno economia-Tennis: Atp Montecarlo, Djokovic eliminato agli ottavi da Evans-Covid: Scotto, 'sfiducia Speranza? servono 63 firme, da Meloni solo ammuina'-Droga: assolto carabiniere Casamassima, fu teste-chiave caso Cucchi-L'ex ministro Fioramonti: "Complotto contro Conte? Bettini crea martire per avere candidato premier al centrosinistra"-**Carceri: violenza a Rebibbia, detenuta in aula ribadisce accuse contro agenti penitenziari**-**Carceri: violenza a Rebibbia, detenuta in aula ribadisce accuse contro agenti penitenziari** (2)-Cinema: Cima (Anica), 'Leone d'oro a Benigni è premio meritatissimo a pilastro della cultura'-Calcio: Mancini, 'vaccini agli azzurri? Prima chi ne ha più bisogno'-Senato: Malpezzi, 'buon lavoro a Segre e a commissione'-Pd: Letta, 'dibattito su vademecum Circoli in 2.949 assemblee con 39.742 iscritti-Def: via libera Cdm con scostamento di 40 miliardi-Fiere: Pazzali (Milano), 'bene Giorgetti e impegno Governo su De Minimis'-Tumori, al via campagna 'Mielo-Spieghi' su neoplasie mieloproliferative-Digital & Entrepreneurship in Sports: ex atleti professionisti a lezione di Sport Integrity e HR Management per una nuova carriera nella Digital Economy-Rifiuti, Coripet rinnova l'accordo con Anci

Ilva di Taranto a rischio chiusura?

Condividi questo articolo:

L’Ilva di Taranto rischia la chiusura, nonostante una legge ad hoc vuole scongiurare il sequestro degli impianti da parte dei magistrati

L’Ilva di Taranto è l’azienda della discordia: ambiente o denaro? Inquinamento o salute? Secondo l’accusa, che ha portato ad una vera e propria inchiesta giudiziaria, l’impianto deve essere chiuso; queste le ragioni dell’accusa: documenti e referti sanitari non lasciano dubbi, l’Ilva, l’azienda siderurgica del gruppo Riva, inquina e non poco, le emissioni di polveri velenose nell’aria hanno modificato l’ecosistema della zona e l’inquinamento provocato ha causato 90 morti, diverse malattie respiratorie e problemi alla vista. Taranto si spacca in due: c’è chi chiede la chiusura immediata, ma c’è anche chi spera che questo non accada mai. L’Ilva, infatti, raccoglie nel suo organico 12.000 dipendenti, più molte migliaia di addetti nell’ambito dell’indotto industriale.

Per scongiurare la chiusura dell’Ilva la giunta regionale pugliese ha votato una legge ad hoc, che mira a salvare il colosso siderurgico. La legge antinquinamento, che ha riscosso 59 voti sui 59 votanti e che riguarda le aree a elevato rischio ambientale di Brindisi e Taranto, devastate dalle polveri sottili, stabilisce per le aziende l’introduzione della Valutazione del danno sanitario (Vds), impone quindi alle stesse aziende di pagare i danni e prevede una condanna pesante nei confronti di chi si ostina a non rispettare le nuove regole sull’inquinamento, giacché ‘l’autorità sanitaria dispone la sospensione dell’esercizio dello stabilimento’. Così si vuole dare all’Ilva la possibilità di riparare e di mettersi in regola, diminuendo l’inquinamento atmosferico senza rinunciare a dare lavoro ai suoi dipendenti.

La legge ad hoc sull’Ilva, però, potrebbe non bastare. Nonostante le novità da parte delle Istituzioni regionali pugliesi, il sequestro degli impianti, area a caldo e parchi minerali, continua a essere dato per imminente. 

(gc)

Questo articolo è stato letto 10 volte.

Ilva, Ilva chiusura, Ilva di Taranto, inquinamento Ilva, legge Ilva, legge Puglia inquinamento, Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net