ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Azione: Calenda nomina nuova segreteria, entrano Carfagna e Gelmini-Pd: Benifei, 'nuova generazione pronta a discutere in prima linea'-Salute del cuore: in Italia dati allarmanti, puntare su prevenzione-Pd: Orlando, 'serve un nuovo Pd o qualcosa che vada oltre il Pd'-Salute del cuore: in Italia dati allarmati, puntare su prevenzione-**Elezioni: Terzo Polo sbarca in Parlamento, equilibro eletti tra Azione e Iv**-Sodexo benefits and rewards services-Comunicazione Italiana, al via Welfare day-Salone Nautico di Genova all'interno del più grande cantiere rinnovamento urbano in Italia-Stretta cooperazione tra la Fifa e il Consiglio per diritti umani delle Nazioni Unite-Manovra: centrodestra punta a intervento su rdc, non mina platea ma numero offerte lavoro-Elezioni: ecco gli eletti Pd, la nuova mappa dei gruppi tra conferme e new entry (4)-Philip Morris, su nuovi prodotti serve dialogo pubblico-privato-Fumo, Philip Morris: "Su nuovi prodotti serve dialogo pubblico-privato"-Rugby: Peroni Top10, la finale 2023 torna allo stadio Lanfranchi di Parma-Rugby: Peroni Top10, copertura integrale del campionato grazie a Eleven Sports e Rai Sport-**Pd: con congresso alle porte rebus capigruppo e nomine di avvio legislatura'**-Turchia: Ankara convoca ambasciatore tedesco per aver insultato Erdogan-Ucraina: quasi 44mila russi entrati in Finlandia da annuncio mobilitazione-M5S: Grillo rilancia settimana lavorativa di 4 giorni, 'toccasana, riprendiamoci vita'-**Spazio: sostegno Draghi a candidatura Italia per Einstein Telescope**

Evasione fiscale, Cortina non può diventare il simbolo dell’Italia che evade. Ma gli evasori vanno perseguiti

Condividi questo articolo:

Cortina non può diventare il simbolo dell’Italia che evade, ma l’evasione fiscale va condannata senza se e senza ma, perchè si possano abbassare le tasse per tutti

Cortina d’Ampezzo non può diventare il simbolo dell’Italia che evade le tasse e che premia i furbetti del quartierino. Cortina, il gioiello delle Dolomiti, è uno dei nostri fiori all’occhiello. Ma quello che è accaduto il 30 dicembre scorso – con il blitz dell’Agenzia delle Entrate – nella capitale chic d’inverno, palcoscenico del Cinepanettone, deve indurci ad una riflessione seria.

La prima: in Italia ci sono troppi furbetti. Che dichiarano poco e posseggono molto. Sgominare queste pratiche che rappresentano per tutti noi, che paghiamo le tasse, un cancro e una zavorra è un dovere non solo morale, ma anche di opportunità. Solo pagando tutti le tasse si possono evitare ulteriori innalzamenti delle imposte.

La seconda riflessione è la seguente: in Italia le tasse sono troppo alte e tra coloro che evadono le tasse ci sono persone o aziende che sono obbligate a farlo, pena il saltare in aria delle proprie attività. C’è un tipo di evasione fiscale la cui alternativa è la morte della propria attività economica.

La terza riflessione è che bisogna condannare senza se e senza ma chi a Cortina d’Ampezzo gira con un Suv ma dichiara 30 mila euro lordi all’anno; oppure chi a Capri o a Portofino va in mare d’estate con panfili e yacht che solo in pochi possono permettersi e magari sono intestati a società di comodo.

E’ strano che in Italia le percentuali di coloro che dichiarano oltre i 75 mila euro annui lordi di reddito sono così basse, mentre coloro che posseggono un suv o un auto di grossa cilindrata siano molti, ma molti di più.

Cortina ci deve far riflettere su questo. L’evasione fiscale va condannata e perseguita, perchè le tasse si possano abbassare per tutti, per coloro innanzitutto che pagano onestamente. 

(Natale Accetta)

Questo articolo è stato letto 12 volte.

agenzia delle entrate, Capri, Cinepanettone, Cortina, Cortina d'Ampezzo evasione fiscale, evasione fiscale a Cortina, Portofino, suv

Comments (135)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net