ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Manovra: Castelli, 'rateizzazione cartelle anche se decadute'-Coronavirus, Sangalli: 'Da Camere commercio 300 mln di euro a supporto imprese'-Ue, Sangalli: 'Recovery nuovo piano Marshall, prioritari progetti Camere commercio'-Libri nelle carceri, Sognalib(e)ro premia i detenuti lettori-Pirelli: Fondazione avvia nuovo programma didattico digitale per scuole-Electrolux: Fiom, prorogato fino al 31 gennaio 2021 il protocollo anti-Covid-Coronavirus: Sala, 'Milano rischia effetto dirompente, città va protetta'-Multicedi, confermato presidente Ragozzino, Claudio Messina nuovo ad-Milano: Flavio Cattaneo, 'io sindaco? Nulla di vero, già impegnato in altro'-Quirinale: Mattarella riceve fondatore di Atena Onlus-Ue, Patuanelli: 'Sistema Camerale centrale per Recovery fund, con voi vinceremo sfida'-Patuanelli, 'Sistema Camerale necessario in momento complicatissimo'-Sangalli: 'Risorse Next Generation Eu centrali per giovani e Paese'-Ismea, Covid non frena export pasta italiana-Cristina Mezzanotte è la nuova presidente di Manageritalia Emilia Romagna-Mafia: Pg Caltanissetta Sava, ‘Rianalizzare i reperti ritrovati sui luoghi delle stragi del ‘92’ (2)-Mafia: Pg Caltanissetta Sava, ‘Rianalizzare i reperti ritrovati sui luoghi delle stragi del ‘92’ (3)-Mafia: Pg Caltanissetta Sava, ‘Rianalizzare i reperti ritrovati sui luoghi delle stragi del ‘92’ (4)-Mafia: Pg Caltanissetta Sava, ‘Rianalizzare i reperti ritrovati sui luoghi delle stragi del ‘92’ (5)-Coronavirus: Sala, 'più metropolitane? Ci vogliono 3 anni dall'ordine'

Tracce dil diserbante chimico nei campioni di urina degli americani

Condividi questo articolo:

Non si ferma il dibattito mondiale sul glifosato

Poco più di un mese fa, il Parlamento Europeo ha votato per il rinnovamento dell’autorizzazione all’uso del glifosato per altri 7 anni in agricoltura, ma questo non ha fermato il dibattito che imperversa da tempo riguardo all’uso di questo diserbante, che non si ferma, infatti, ai soli confini europei.

Negli Stati Uniti, il glifosato è ampiamente utilizzato nelle colture geneticamente modificate, che lo richiedono per liberare i campi dalle erbacce, e non solo non tiene conto delle piante e degli animali che non sono progettati per resistergli, ma non tiene conto nemmeno dei rischi connessi con gli esseri umani.
A quanto dicono i test indipendenti condotti dalla University of California di San Francisco, questo prodotto chimico sarebbe presente nel 93% dei campioni di urina analizzati dei cittadini americani. Questi test sono stati organizzati e sostenuti da The Detox Project e commissionati dall’Organic Consumers Association, ma le informazioni che hanno rivelato non riescono a risolvere il dibattito. Il glifosato è cancerogeno oppure no? Il fatto che entri nel nostro corpo e venga trovato nelle nostre urine in che modo può nuocerci?
L’Organizzazione Mondiale della Sanità l’anno scorso lo aveva definito «probabile cancerogeno», le associazioni ambientaliste avevano iniziato – e continuano – a combatterlo indefessamente, ma il Parlamento Europeo ha prolungato le autorizzazioni e molte altre autorità negano queste accuse – perfino una recente revisione di sicurezza dell’OMS e della FAO (Food and Agricolture Organisation) ha indicato una dose giornaliera accettabile di un massimo di 1 milligrammo per ogni Kg corporeo.
Insomma, quello che ci chiediamo è: cosa dobbiamo fare? Il glifosato è un pericolo per la nostra salute o un rischio valutato?
In attesa di risposte meno contraddittorie, seguire una dieta biologica e informarci sulla provenienza di quello che consumiamo è sempre la migliore cosa che possiamo fare.

 

Questo articolo è stato letto 8 volte.

Detox Project, Diserbanti, Glifosato, pesticidi, Roundup, usa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net