ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Pd: Ceccanti, 'Manifesto attuale, frammentazione incentiva populismo'-Qatar 2022: storico Marocco ai quarti di finale, Spagna battuta ai rigori 3-0-Pacifico (Anief): "Bene rinnovo contratto scuola, ora allineare indennità di vacanza contrattuale"-Un francobollo speciale celebra i 145 anni di Barilla tra cibo, arte e innovazione-Pd: democrazia e crisi partecipazione, Letta a lavori 'sottocomitato' costituente dem-Patuano (A2A): "Per transizione ecologica giusta salvaguardare nuove generazioni"-Qatar 2022: ottavi di finale, Marocco-Spagna 0-0 al 90', si va ai supplementari-Calderone: "Welfare aziendale strumento centrale per migliorare condizioni lavoratori"-Vaccini, ospedale Sacco punto di riferimento per l’area milanese-Pallavolo: Nations League, Stati Uniti e Polonia ospiteranno le Finali-Covid oggi Italia, pneumologo: "In questi giorni casi un po' più gravi"-Giustizia: Verini, 'da Nordio relazione deludente e contraddittoria'-Dl ministeri: Serracchiani, 'cambiano priorità, paese rischia di andare indietro'-Qatar 2022: Batistuta, 'ben venga se Messi batterà mio record'-Manovra, Oricon: serve fondo a sostegno ristorazione collettiva-Qatar 2022: Spagna, Busquets eguaglia record Casillas e Ramos con 17 presenze ai mondiali-Sport: 300.000 eventi l’anno e 7 mln e mezzo di tesserati, il peso dello sport di base in numeri-Ricerca, Anvur spinge su efficienza e qualità valutazione e celebra la 'Giornata Trasparenza'-Qatar 2022: ottavi di finale, Marocco-Spagna 0-0 alla fine del primo tempo-Autonomia, Emiliano: "Prima di maggiori poteri perequazione di diritti e doveri"
settore zootecnico

Gas serra: la responsabilità del settore zootecnico

Condividi questo articolo:

settore zootecnico

Secondo un nuovo rapporto degli animalisti, 20 aziende zootecniche inquinano più di Gran Bretagna, Francia o Germania

Cosa produce il 14,5% delle emissioni di gas serra nel mondo? Il settore zootecnico.

The Guardian racconta che, secondo l’inchiesta Meat Atlas – compilata da Friends of the Earth e della fondazione Heinrich Böll Stiftung –, tra il 2015 e il 2020 circa 2.500 banche, fondi pensione e società di investimento hanno finanziato aziende che si occupano di carne e prodotti lattiero-caseari a livello globale per un importo di 478 miliardi di dollari.

Con questo livello di sostegno finanziario, 20 aziende zootecniche hanno finito per essere più inquinanti di Gran Bretagna, Francia o Germania.

Oltretutto, le previsioni stimano che la produzione di carne è destinata a crescere di altri 40 milioni di tonnellate all’anno entro il 2029, fino a raggiungere 366 milioni di tonnellate di carne all’anno – i maggiori produttori di carne sono Cina, Brasile, Stati Uniti e alcuni membri dell’Unione europea, ma anche i paesi in via di sviluppo stanno iniziando a fare la loro parte.

Il pollame è la fetta di mercato che sta aumentando più rapidamente: gli esperti prevedono che rappresenterà il 41% di tutte le proteine ​​della carne a livello globale entro il 2030.

Come ha spiegato su The Guardian l’attivista per l’alimentazione e l’agricoltura Stanka Becheva, che lavora con Friends of the Earth, “questo sistema alimentare incentrato sulle proteine ​​animali sta avendo un impatto devastante sul clima, sulla biodiversità e sta effettivamente danneggiando le persone in tutto il mondo“, “dobbiamo iniziare a ridurre il numero di animali da cibo sul pianeta e incentivare diversi modelli di consumo“.

Anche le normative sull’industria della carne devono essere rafforzate “per assicurarsi che le aziende paghino per i danni che hanno creato lungo tutta la catena di approvvigionamento e per ridurre al minimo ulteriori danni“.

Sempre secondo quanto riportato da The Guardian, Paolo Patruno, vicesegretario generale dell’Associazione europea per l’industria della lavorazione della carne, ha invece minimizzato il ruolo di questa industria nelle emissioni, dicendo che nessun settore alimentare è più o meno sostenibile di un altro, ma che comunque si impegneranno a “rendere la produzione di proteine ​​animali più sostenibile“.

Questo articolo è stato letto 46 volte.

gas serra, inquinamento, rilascio di gas serra, settore zootecnico

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net