ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 3: Gelmini, 'stop stretta contante e far emergere quello in circolazione'-**Vaticano: fonti, Mincione non ha ricevuto comunicazioni giudiziarie**-Coronavirus: Napoli (Fi), 'prestito con Mes o si finisce in mano a banche'-Vaticano: finanziere Mincione, 'ecco la mia verità, c'è offerta palazzo Londra da 300 mln'-Vaticano: finanziere Mincione, 'ecco la mia verità, c'è offerta palazzo Londra da 300 mln' (2)-Vaticano: finanziere Mincione, 'ecco la mia verità, c'è offerta palazzo Londra da 300 mln' (3)-Vaticano: finanziere Mincione, 'ecco la mia verità, c'è offerta palazzo Londra da 300 mln' (4)-Vaticano: finanziere Mincione, 'ecco la mia verità, c'è offerta palazzo Londra da 300 mln' (5)-Scuola: Versace (Fi), 'governo mantenga impegno per più docenti sostegno'-Scuola: Sasso (Lega), 'Fratoianni e Leu dimenticano promesse per poltrona'-Scuola: Casa (M5S), 'misure importanti ma nessun trionfalismo dopo 20 anni problemi' (2)-**Scuola: Meloni, 'incertezza su futuro e da classi pollaio a classi acquario'**-Ex Ilva: Fornaro, 'se necessario Stato intervenga in siderurgia'-Scuola: Ronzulli, 'con decreto pagina più buia sistema formativo'-Fase 3: Marcucci, 'lavorare insieme senza spot ed eventi improvvisati'-Ex Ilva: Gelmini, 'azienda non rispetta accordi ma governo inadeguato'-Scuola: Crippa, 'sì a decreto nonostante opposizioni irresponsabili'-Scuola: Crippa, 'sì a decreto nonostante opposizioni irresponsabili' (2)-Scuola: Pittoni (Lega), 'da governo nessun investimento'-Milano: consegna la droga con Glovo, rider lo fa arrestare

Fiume Po, monitoraggio a seguito degli sversamenti nel fiume Lambro nel 2010

Condividi questo articolo:

Il monitoraggio del fiume più lungo d’Italia ad opera della Regione Emilia Romagna dopo i fatti del febbraio 2010 in seguito agli sversamenti nel fiume Lambro. Le indagini sono condotte dall’Arpa in collaborazione non solo con le regioni ma anche con Irsa-Cnr

La Regione Emilia-Romagna sta monitorando, avvalendosi del supporto di Arpa, le acque del fiume Po fino al mare Adriatico per verificare gli eventuali danni causati agli ecosistemi acquatici dallo sversamento accidentale di idrocarburi avvenuto nel fiume Lambro nel febbraio 2010. Le rilevazioni fanno seguito ad un protocollo sottoscritto a fine 2010 con l’Autorita’ di bacino del fiume Po, le Regioni Lombardia e Veneto, i parchi regionali del Delta del Po e l’Istituto di ricerca sulle acque del CNR (IRSA-CNR) che prevede la valutazione delle conseguenze dovute allo sversamento di idrocarburi, con particolare attenzione ai potenziali effetti tossici sugli ecosistemi acquatici presenti nel fiume, nelle acque di transizione e marino-costiere e l’approfondimento delle conoscenze sugli impatti che i diversi corpi idrici monitorati possono avere subito.

L’indagine di Arpa affianca e completa quella condotta nella prima fase di emergenza ambientale e ha anche l’obiettivo di individuare eventuali azioni di bonifica e riqualificazione dello stato di salute delle acque coinvolte nell’inquinamento accidentale.

Sono oggetto della valutazione i parametri idrologici, morfologici e chimico-fisici delle acque, la flora, la fauna acquatica e la popolazione ittica del fiume fino alla sua foce, comprese le aree protette sul delta del Po. Parte delle indagini sono svolte in collaborazione con le altre Regioni coinvolte, che si avvalgono ugualmente delle agenzie ambientali (ARPA), con il supporto tecnico-scientifico di Irsa-Cnr.

Gli enti firmatari del protocollo – assicura una nota della Regione E.Romagna – garantiranno la massima trasparenza e la piu’ ampia diffusione dei risultati, anche al fine di tutelare le attivita’ economiche presenti in quelle aree e legate agli usi delle acque, in particolare acquacoltura e pesca. (fonte: Agi)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

arpa, cnr, emilia romagna, fiume po, lambro, po

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net