ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"

Gli alberi che producono più ossigeno

Condividi questo articolo:

E di quanti alberi ha bisogno ognuno di noi per respirare

Non tutti gli alberi producono la stessa quantità di ossigeno: ciò che è straordinario, di questo processo, è la relazione di scambio esistente fra umani e alberi. Questi ultimi producono l’elemento indispensabile per l’uomo, l’ossigeno, scartandolo; mentre ciò che per noi è elemento di scarto, l’anidride carbonica, è indispensabile a loro per tenersi in vita.

La differenza di produzione di ossigeno sta nell’indice di area fogliare (LAI) che ogni albero ha: esso altro non è che la misura della superficie fogliare per unità di superficie del suolo e, più alto sarà il LAI, maggiore sarà l’ossigeno prodotto da una pianta.

Sul LAI vanno ad incidere anche altri fattori come il fatto che sia o meno sempreverde, la sua grandezza e quella della sua chioma. Fra gli alberi che producono più ossigeno ci sono: gli abeti, gli aceri, i faggi e gli abeti rossi; fra quelli che ne espirano di meno ci sono invece i pini. Le querce e pioppi si trovano ad un punto mediano.

Ovviamente anche le stagioni andranno a incidere sulla produzione di ossigeno: in autunno e inverno, quando le foglie cadono la produzione sarà, per ragioni visibili, minore.

Come sottolinea Focus: “un umano respira circa 9,5 tonnellate di aria all’anno ma consuma circa 740 kg di ossigeno, ne consegue che ognuno di noi avrebbe bisogno di sette o otto alberi l’anno per respirare”.

Luna Riillo

Questo articolo è stato letto 103 volte.

alberi, alberi e ossigeno, produzione ossigeno alberi

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net