influenza aviaria

Nuova influenza aviaria, i primi casi in Russia

Condividi questo articolo:

influenza aviaria

L’OMS denuncia lo scoppio di una nuova influenza aviaria in Russia

La Russia durante il fine settimana ha segnalato i casi della prima infezione da influenza aviaria H5N8 nota negli esseri umani e ha affermato di aver riferito i risultati all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Come ha raccontato Reuters, i casi sono stati annunciati il ​​20 febbraio da Anna Popova, funzionario della sanità pubblica russa.

L’ufficio regionale europeo dell’OMS ha detto a Reuters che la Russia aveva notificato all’OMS un caso di H5N8 umano e che, se confermato, l’evento avrebbe segnato la prima infezione nota nell’uomo. Ha aggiunto che le prime informazioni dicono che i casi coinvolgono sette lavoratori esposti a stormi di uccelli che erano asintomatici, senza alcuna trasmissione successiva segnalata.

Ovviamente, l’OMS ha detto che sta lavorando per raccogliere maggiori informazioni e valutare l’impatto di questa malattia sulla salute.

L’H5N8 è stata trovata negli uccelli sin dagli anni ’80 e il virus è stato segnalato nell’emisfero settentrionale ogni anno dal 2014.

I primi focolai in Russia tra gli uccelli selvatici, sono stati segnalati ad agosto 2020 e sono stati rapidamente seguiti da eventi simili in altri paesi in Europa, insieme a Cina, Iran, Giappone e Corea del Sud. Sono stati segnalati recenti focolai anche in Africa.

Le valutazioni precedenti a queste notizie ponevano la minaccia per gli esseri umani piuttosto bassa:

l’OMS aveva affermato nel 2016 che le infezioni umane da H5N8 non potevano essere escluse, ma che la probabilità era minima. Inoltre, studi sui furetti dei precedenti virus H5N8 avevano dimostrato che non trasmettono in modo efficiente.

Di fatto, anche se il potenziale rischio di pandemia non è alto, la notizia pone comunque in allarme.

Il Vector Institute della Siberia ha dichiarato che inizierà a sviluppare test umani e un vaccino contro l’H5N8, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa RIA – riferisce Reuters.

 

Questo articolo è stato letto 24 volte.

influenza aviaria, nuovo virus, pandemia, russia, uccelli

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net