contagio dello sbadiglio

Che succede quando i leoni sbadigliano?

Condividi questo articolo:

contagio dello sbadiglio

Si è scoperto che il contagio dello sbadiglio nei leoni ha anche un ruolo nel comportamento sociale

Un trio di ricercatori dell’Università di Pisa ha scoperto che i leoni, come molti altri animali, fanno sbadigli contagiosi.

Grazia Casetta, Andrea Paolo Nolfo ed Elisabetta Palagi, nel loro studio pubblicato sulla rivista Animal Behaviour, descrivono cosa hanno imparato sui leoni che vivono allo stato brado in Africa e sulle loro pratiche di sbadiglio.

Il fatto che molti animali sbadiglino lo sappiamo da ricerche precedenti che hanno dimostrato che, come per gli esseri umani, quello che accade è che si verifica un aumento del flusso sanguigno nella testa, che ossigena e raffredda il cervello, rendendo gli esseri umani (e gli animali) che lo fanno più vigili.

Ricerche precedenti hanno anche scoperto che molti animali sperimentano il contagio dello sbadiglio, quel meccanismo che conosciamo bene e che comporta che quando vediamo qualcun altro sbadigliare, sentiamo il bisogno di farlo anche noi.

Quello che ha aggiunto a questo scoperte il nuovo studio è che, secondo i tre ricercatori italiani, lo sbadiglio può anche avere un altro scopo per alcuni animali.

I ricercatori hanno iniziato il loro lavoro studiando le iene nella Greater Makalali Private Game Reserve in Sud Africa. Siccome le iene tendono a gironzolare negli stessi posti dei leoni, questo li ha portati a studiare anche i leoni – e ad aggiungerli all’elenco degli animali che sperimentano il contagio dello sbadiglio.

A quel punto, però, hanno notato anche qualcos’altro: un leone che copiava il comportamento sbadigliante tendeva anche a copiare altri comportamenti subito dopo. Incuriositi dalla loro scoperta, gli scienziati hanno iniziato a filmare i grandi felini per vedere se questo comportamento era una cosa unica o un comportamento comune nei leoni.

In un periodo di quattro mesi, i ricercatori hanno registrato molte ore di vita di 19 leoni nel loro ambiente naturale ed è così che hanno scoperto che, dopo aver imitato lo sbadiglio, i leoni tendevano a imitare i comportamenti che seguivano.

Se un leone sbadigliava e un altro leone vicino lo imitava, poi quel secondo leone tendeva a imitare anche i gesti seguenti del primo leone.

I ricercatori suggeriscono che imitare il comportamento dopo lo sbadiglio potrebbe essere un mezzo per aumentare la vigilanza di gruppo negli animali che vivono un’esistenza così cooperativa. Aumentare la consapevolezza collettiva, notano, potrebbe aiutare a individuare opportunità di cibo o, in alcuni casi, possibili minacce.

 

Questo articolo è stato letto 24 volte.

comportamento sociale, contagio dello sbadiglio, imitazione comportamenti, leoni, pratiche sociali tra animali

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net