ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

La Qualità dell’acqua a Roma: tra storia antica e sfide moderne

Condividi questo articolo:

Qual è la qualità dell’acqua che esce dai nostri rubinetti a Roma?

Roma, con la sua storia millenaria, è una città che ha sempre avuto un legame stretto con l’acqua, dalle antiche terme romane agli acquedotti che ancora oggi ne caratterizzano il paesaggio. Tuttavia, nell’era moderna, la qualità dell’acqua nella Capitale è diventata oggetto di attenzione per i potenziali rischi legati alla presenza di sostanze nocive. In questo articolo, esploriamo la situazione attuale dell’acqua a Roma, focalizzandoci sulle possibili contaminazioni e su come vengono monitorate e gestite.

Un’acqua storicamente pura

L’acqua che scorre dagli antichi acquedotti romani è stata a lungo celebrata per la sua purezza. Grazie alle sorgenti che sgorgano nei territori montuosi circostanti la città, Roma ha potuto vantare un’acqua di qualità superiore per secoli. I moderni sistemi di filtrazione e trattamento hanno ulteriormente migliorato questi standard, garantendo che l’acqua che arriva nelle case dei romani sia generalmente sicura per il consumo.

La realtà di oggi

Nonostante il ricco patrimonio e gli sforzi continui, la qualità dell’acqua di Roma affronta sfide moderne legate all’inquinamento e alla gestione delle infrastrutture idriche.
Le principali preoccupazioni includono:

  •  piombo nelle vecchie tubature. In alcune aree della città, le tubature più vecchie possono ancora rilasciare piombo nell’acqua, una sostanza notoriamente nociva per la salute umana, in particolare per il sistema nervoso e il cervello in via di sviluppo nei bambini.
  • Contaminanti chimici. L’uso di pesticidi e fertilizzanti nelle aree agricole circostanti può portare alla presenza di nitriti, nitrati e altri composti chimici nell’acqua. Sebbene i livelli siano generalmente monitorati e mantenuti entro limiti sicuri, la presenza di tali sostanze rimane una preoccupazione.
  • Farmaci e prodotti personali. Tracce di farmaci e prodotti per la cura personale possono finire nell’acqua attraverso il sistema di smaltimento delle acque reflue. La loro presenza, sebbene a livelli molto bassi, solleva interrogativi sugli effetti a lungo termine sulla salute.

Monitoraggio e interventi

Le autorità locali e i gestori del servizio idrico sono ben consapevoli di queste sfide e si impegnano costantemente nel monitoraggio della qualità dell’acqua. Vengono effettuati regolarmente test per rilevare la presenza di metalli pesanti, composti chimici e microrganismi patogeni, assicurando che l’acqua rispetti gli standard di sicurezza imposti dalla legislazione italiana e dall’Unione Europea.

In risposta alle preoccupazioni sulla qualità dell’acqua, sono stati intrapresi numerosi progetti per la sostituzione delle vecchie tubature e l’ammodernamento degli impianti di trattamento. Questi sforzi mirano a ridurre i rischi di contaminazione e a garantire che l’acqua di Roma rimanga sicura e salubre per tutti i suoi abitanti.
Mentre Roma continua a navigare tra il rispetto del suo ricco patrimonio storico e le necessità imposte dalla modernità, la questione della qualità dell’acqua rimane una priorità.

Questo articolo è stato letto 21 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net