ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Guglielmo Marconi, 150 anni fa la nascita di uno dei più grandi inventori della storia moderna-Israele, Hamas: "Giù armi con accordo su 2 Stati". Proteste pro Gaza in campus Los Angeles, 93 arresti-Bce: "Inflazione Eurozona continua a decelerare, crescita in ripresa graduale in 2024"-25 aprile, Meloni: "Con fine fascismo poste basi democrazia". Salvini: "Sempre onorato senza sbandierarlo"-Fiorello: "72% italiani si sente antifascista, l'altro 28% manda curriculum alla Rai"-25 aprile, manifestazioni in tutta Italia: tensioni al corteo a Roma-Francia, cadute le pale del Moulin Rouge a Parigi-25 aprile, a Roma in piazza manifestanti pro Palestina e Brigata ebraica: grida e insulti - Video-Pechino Express 2024, oggi ottava tappa: 5 coppie ancora in gara, chi andrà in semifinale?-Dengue e malaria, boom di casi: è colpa del clima, allarme infettivologi-Disturbi della memoria, scoperto come il cervello distingue e conserva eventi simili-Ucraina, ecco i nuovi missili Atacms: come cambia la guerra-Ucraina, Biden: "Subito armi a Kiev". Missili Atacms già inviati in segreto-Houthi rivendicano attacchi contro due navi Usa e una israeliana-Europee, magistrato Tarfusser si candida: ira Castagna contro Calenda-Enel, intesa con sindacati: 2.000 ingressi in 3 anni-Atalanta-Fiorentina 4-1, nerazzurri in finale Coppa Italia contro la Juve-Spagna, l'annuncio di Sanchez: "Lunedì decido se restare premier"-Assalto Cgil, Cassazione: Appello bis per nove imputati-Netanyahu: "Antisemitismo nei campus Usa come in università tedesche anni '30"

Agricoltura, ecco i batteri che eliminano la Co2 dai suoli coltivati

Condividi questo articolo:

L’agricoltura migliora le tecniche: alcuni microbi e l’albero di Iroko libereranno nell’atmosfera la Co2 imprigionata nel suolo da coltivare

Microbi per salvare i prodotti agricoli. L’agricoltura fa passi in avanti, anzi a fare passi in avanti sono le tecniche per fare un buona agricoltura. Dall’Università di Edimburgo arriva una tecnica innovativa che consente di sfruttare dei microbi capaci di ricacciare l’anidride carbonica dai suoli, permettendo la gestione agricola delle dannose emissioni di gas serra. Gli scienziati hanno scoperto che questi microbi possono essere usati per trasformare le emissioni di biossido di carbonio in sostanze calcaree che arricchiscono il suolo con l’aiuto di un tipo di albero che cresce nelle zone tropicali, come l’Africa Occidentale.

Per migliorare le tecniche del fare agricoltura, quindi, basta un albero che generi batteri capaci di fare dell’anidride carbonica imprigionata nel terreno una risorsa da sfruttare. L’albero del miracolo è Iroko, che cresce in un terreno asciutto. Secondo quanto scritto nello studio, se il terreno che accoglie l’Iroko è trattato con una combinazione naturale di muffe e batteri, l’albero è capace di innescare il processo di trasformazione dell’anidride in sostanze minerali emanate dalle radici. Il fenomeno provocato dai batteri permetterà di bloccare l’immissione di anidride carbonica nel suolo in cui si coltiva, mantenendola nell’atmosfera.

 

(gc)

Questo articolo è stato letto 38 volte.

agricoltura, albero Iroko, anidride carbonica agricoltura, coltivazione, prodotti agricoli, studi agricoltura

Comments (8)

  • … [Trackback]

    […] Find More Information here to that Topic: ecoseven.net/alimentazione/biologia-dell-alimentazione/agricoltura-ecco-i-batteri-che-eliminano-la-co2-dai-suoli-coltivati/ […]

  • … [Trackback]

    […] Here you will find 21386 additional Information to that Topic: ecoseven.net/alimentazione/biologia-dell-alimentazione/agricoltura-ecco-i-batteri-che-eliminano-la-co2-dai-suoli-coltivati/ […]

  • … [Trackback]

    […] Find More on that Topic: ecoseven.net/alimentazione/biologia-dell-alimentazione/agricoltura-ecco-i-batteri-che-eliminano-la-co2-dai-suoli-coltivati/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net