Un succo dagli effetti speciali

Secondo la scienza, il succo di barbabietola agisce sul sistema cardiocircolatorio

WhatsApp Share

Le malattie cardiovascolari possono essere molto gravi. Per questo, i pazienti, oltre a sottoporsi a cure farmacologiche, cercano integratori in grado di aiutarli. Uno studio pubblicato sull’ American Journal of Physiology – Heart and Circulatory Physiology ha dimostrato che il succo di barbabietola ha effetti positivi sia sul sistema cardiocircolatorio che sul sistema nervoso simpatico che, nelle persone che soffrono di malattie cardiache, è spesso sovrastimolato.

Nello studio, i ricercatori hanno preso in esame 20 soggetti volontari, dell’età media di 27 anni. I ragazzi si sono sottoposti a due visite separate, in cui hanno ricevuto (senza sapere) un placebo o succo di barbabietola. In entrambe le visite, il team ha registrato la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, l’attività dei muscoli a riposo e durante un esercizio e l’attività del sistema nervoso simpatico.

Le misurazioni sono state fatte all’inizio della visita e dopo la somministrazione di succo di barbabietola o di un placebo, e dopo che si erano riposati sulla schiena per tre ore. I risultati hanno indicato che l’attività nervosa era inferiore quando i volontari bevevano il succo di barbabietola.

"Non è stata rilevata inoltre alcuna differenza nella pressione a riposo o durante l'esercizio", ha osservato il gruppo di ricerca. "Questi risultati forniscono la prova del fatto che introdurre nitrati da fonti alimentari, come il succo di barbabietola, può influenzare il sistema nervoso simpatico e, di conseguenza, influire positivamente sulla sovrastimolazione che accusano le persone affette da malattie cardiache".

Il succo di barbabietola non è l’unico rimedio naturale in grado di supportare le cure per le malattie cardiovascolari. Secondo la scienza, anche le noci sono un vero toccasana per il nostro cuore.