Vacanze, la spiagge diventano ‘eco’

Le spiagge diventano sostenibili: passerelle in materiale riciclato, cabine e ombrelloni fotovoltaici, pozzi geotermici e impianti eolici per sfruttare mare, vento e sole

Le spiagge si fanno anche ecosostenibili ed ecologie. Ed oltre alla bandiera blu, che indica il mare pulito, tante possono anche far sventolare la bandiera verde, per essere tratti costieri amici dell’ambiente. Le spiagge del 2012, infatti, sono rivoluzionarie dal punto di vista energetico. Passerelle in materiale riciclato, cabine e ombrelloni fotovoltaici, pozzi geotermici e impianti eolici per sfruttare mare, vento e sole: sono queste le principali novità che presentano i lidi marini per queste vacanze.

La spiaggia ecosostenibile bagni Magarìa di San Leone, in provincia di Agrigento, per esempio, si impegna per sfruttare tutte le risorse naturali. Il lido ha la forma di uno scafo ed è totalmente alimentato dalle rinnovabili: il minieolico viene sfruttato per l’illuminazione dei pontili, il solare termico per il riscaldamento dellacqua delle docce.

A Riccione, bagno Giulia 85, da anni, è attento all’ambiente. Il lido sfrutta passarelle interamente riciclate, fatte da pvc e noccioli d’oliva, studiate per essere facilmente accessibili a disabili e a non vedenti. I riduttori di flusso e il riciclo dell’acqua per l’innaffiamento fanno sì che lo stabilimento possa risparmiare a livello idrico, mentre gli impianti fotovoltaici portano a bagno Giulia 85 risparmio energetico ed economico.  Sempre qui, da questa estate, verranno sfruttate le nanotecnologie per la pulizia della spiaggia.

Ad essere una spiaggia eco e smart è la litoranea di Cervia: 223 stabilimenti in cui si fa la raccolta differenziata, si ha a disposizione acqua refrigerata gratis, internet e tanto altro.

(gc) 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER