Baratto: dal 18 al 24 novembre vacanze gratis

Condividi questo articolo:

Dal 18 al 24 novembre sara’ possibile fare una vacanza gratuita, in cambio di beni e servizi

 

Prende il via la settimana del baratto: dal 18 al 24 novembre sarà quindi possibile fare una vacanza gratuita, in cambio di beni e servizi. Giunta alla quinta edizione, la settimana del baratto offrirà a ttutti la possibilità di soggiornare nei bed and breakfast affiliati al portale www.bed-and-breakfast.it che aderiranno all’iniziativa, in cambio di servizi. Un idraulico potrebbe soggiornare una settimana a Roma, in cambio di una piccola riparazione al B&B che lo ospita.

Quest’anno le strutture che hanno aderito alla settimana del baratto sono aumentate, confermando l’entusiasmo con il quale sono state accolte le precedenti edizioni: sono oltre 800 i B&B che hanno scelto di offrire ai propri ospiti la formula del baratto. Nel nuovo sito della settimana del baratto la ‘Lista dei Desideri’ è dedicata ai B&B partecipanti che potranno inserire la loro richiesta all’interno di una delle categorie proposte: dalle lezioni private alla realizzazione di siti internet, dal giardinaggio alla manutenzione dell’impianto elettrico.

 

Le Proposte di Baratto dei Viaggiatori saranno visibili sul sitowww.settimanadebaratto.it e, a scelta del viaggiatore, anche sul proprio profilo Facebook. Sulla scia della Settimana del Baratto è nato Barattobb.it il primo sito italiano dedicato al baratto di soggiorni, alloggio e colazione. Il sito Barattobb.it aggrega tutti i B&B disponibili a barattare un soggiorno compreso di colazione per tutto l’anno, al di fuori dell’evento ufficiale La Settimana del Baratto che si svolge ogni anno a novembre.

gc

Questo articolo è stato letto 7 volte.

alberghi, bed and breakfast, settimana del baratto, soggiorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net