Il benessere passa anche dall'umore

La risposta al nostro affaticamento potrebbe venire dalla vitamina B8

WhatsApp Share

Star bene non vuol dire solo essere in forma, ma provare un senso di benessere e sono tanti i rimedi efficaci in questo senso.

Recentemente i ricercatori hanno dedicato uno studio a uno di questi, l'inositolo. L'inositolo è un integratore naturale, noto per la sua capacità di alleviare l'ansia, la fame nervosa e la sindrome premestruale (PMS) nelle donne.

La sostanza, che un tempo era conosciuta come vitamina B8, si trova in alte concentrazioni nel cervello, dove aiuta a regolare importanti sostanze chimiche associate all'umore, tra cui la serotonina e la dopamina.

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone con condizioni come ansia, disturbi compulsivi e depressione hanno livelli più bassi di inositolo nel cervello. In effetti, altri importanti neurotrasmettitori dipendono dall'inositolo per trasmettere messaggi, rendendolo un componente chiave in molti sistemi chimici, comreso il circuito deputat alla gestione dello stress, all'apprendimento e alla produttività, al sonno e alla dipendenza.

L'inositolo, dai dati emersi, potrebbe essere utile in questi casi:

Ansia e disturbo di panico
Gli studi hanno dimostrato che l'inositolo è efficace in caso di panico, una forma di ansia in cui una paura paralizzante prende il sopravvento su una persona e influenza notevolmente il suo modo di vivere. È utile anche contro l'agorafobia e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Funziona meglio degli antidepressivi come la fluvoxamina, che è usata per curare il disturbo ossessivo compulsivo, il disturbo di panico, il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), il disturbo depressivo maggiore (MDD) e il disturbo d'ansia sociale.

Depressione
Le persone che soffrono di depressione hanno in media livelli più bassi di inositolo. Uno studio preliminare ha rivelato che l'inositolo è in grado di migliorare i sintomi delle persone con depressione. Può essere inoltre usato assieme ai farmaci. In questi casi può rivelarsi molto utile anche l'assunzione di Omega 3.

Disturbo ossessivo compulsivo
Gli studi hanno dimostrato che l'inositolo è un candidato promettente per trattare il disturbo ossessivo-compulsivo, una condizione caratterizzata da pensieri e sentimenti ripetuti e dalla compulsione ad agire su questi. In uno studio, gli scienziati hanno scoperto che l'inositolo riduceva efficacemente i sintomi senza effetti collaterali.