ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Femminicidio, gen Garofano: 'Violenza coinvolge sempre di più minori, serve operatività'-Femminicidio, Gessica Notaro: 'Investigatore privato ricopra ruolo per dare sostegno e tutela'-Femminicidio, Sicca (Federpol): 'Diverse forme violenza fisica, c'è anche quella economica'-Damiano: "Per Federpol rinnovo 2020 è un buon contratto, qualità in prima linea"-Confsal: "Federpol all'avanguardia ma bisogna abbassare costo del lavoro"-Sicurezza, questore Petronzi: "C'è bisogno di approccio asimmetrico e multidisciplinare''-Bce: de Guindos, 'nonostante acquisti titoli Stato non siamo ostaggio dei governi'-Femminicidio: Malpezzi, 'parole Palombelli sbagliate e gravi'-Covid: Sbrollini (Iv), 'riaprire discoteche subito o in fumo 100mila posti lavoro'-Femminicidio: Intergruppo donne Camera, 'Palombelli parole di gravità inaudita'-Covid: Marin (Ci), 'su tampone a 72 ore parli scienza non politica'-Alitalia: M5S, 'da ministero convocazione tardiva, serve passaggio in Parlamento'-Covid: De Poli (Udc), 'green pass per tutelare salute e scongiurare lockdown'-Covid: Bernini, 'solidarietà a Faraone, avanti senza paura'-Bach, 'pronto un piano vaccinale per i Giochi invernali a Pechino 2022'-Roma: Gualtieri, 'sgombero segnale importante da cui parte rinascita Tor Bella Monaca'-Covid: Scalfarotto, 'solidarietà a Faraone, green pass salva vite ed economia'-Covid: Biti (Pd), 'Parlamento doveva mettere obbligo appena nato green pass'-**Italia-Grecia: bilaterale Draghi-Mitsotakis, intensificare cooperazione**-Moda: a Milano numerose sfilate dal vivo e l'export torna a crescere

Troppe auto private in Italia: causa di smog e incidenti

Condividi questo articolo:

L’Italia, con 37 milioni di veicoli,  e’ il primo Paese in Europa per il numero di auto private, causa di smog, incidenti e congestioni

In Italia ci sono troppe auto private: sono più di 37 milioni (il numero più alto in Europa) e sono causa di smog e di incidenti. Nonostante, infatti, la mobilità in Italia è sempre più un fenomeno locale con spostamenti corti che per lo più avvengono all’interno della città, i cittadini del Bel Paese preferiscono possedere una o più macchine per famiglia, facendo poco ricorso ai mezzi di trasporto pubblici. Le conseguenze dirette sono facili da individuare: smog, incidenti stradali e strade congestionate. A tracciare il quadro è il Rapporto ‘Green economy per uscire dalle due crisi’, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall’Enea.

Ridurre il numero delle auto private è possibile. I cittadini dovrebbero esser disposti a prendere i mezzi pubblici e le amministrazioni dovrebbe ben governare la domanda di trasporto, soprattutto in ambito urbano. Secondo il rapporto, per raggiungere l’obiettivo di una mobilità più sostenibile bisognerebbe agire su tre grandezze:  lo spostamento attraverso misure come il telelavoro o il car sharing; la distanza, attraverso misure di smart growth, per riportare la lunghezza degli spostamenti a livello di 10 anni fa (-9 Mt di Co2 al 2030); il tasso di occupazione del veicolo (oggi di 1,2 passeggeri a veicolo in città), attraverso misure come il car pooling, la city logistic.

(gc)

Questo articolo è stato letto 6 volte.

auto, auto private, incidenti auto, inquinamento, macchine, smog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net