ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid Gb oggi, 11.625 nuovi contagi: record da metà febbraio-**Fotografi: è morto Stanislao Ferri, nel suo obiettivo gli scatti del lavoro in Emilia** (2)-Usa: Powell, 'economia in ripresa, per inflazione balzo temporaneo'-**Fed: Powell rassicura, 'daremo tempo per completare ripresa economia Usa'**-Senato: Ingroia, 'nuovo gruppo? Il M5S ha cambiato anima, occorre polo popolare'-Senato: Ingroia, 'nuovo gruppo? Il M5S ha cambiato anima, occorre polo popolare' (2)-Giustizia: Greco, 'passato per chi voleva affossare indagini, consigliavo prudenza'-Covid: Moratti, 'in Lombardia solo un decesso, vediamo la luce'-Caso Denise: giudice Angioni, 'io indagata? Ho dato fastidio a qualcuno, ho denunciato i pm' (2)-Recovery: D'Incà, 'giornata storica, via libera a lavoro governo Conte e Draghi'-M5S: Ricci, 'un abbraccio a Frenquellucci, bentornata nel tuo Movimento'-Consulta: diffamazione a mezzo stampa, carcere solo nei casi di eccezionale gravità-Giustizia: Greco, 'in 45 anni mai viste riforme che la accelerassero' (2)-Balata: "Su riforma movimento primi sostenitori del presidente Figc"-Ungheria: Boldrini, '13 Paesi contro legge Orban, purtroppo non c'è Italia'-**Arte: è morta Paola Besana, designer e artista tessile di fama mondiale**-**Arte: è morta Paola Besana, designer e artista tessile di fama mondiale** (2)-Ungheria: Più Europa, 'Italia firmi petizione'-Recovery: Bellanova, 'ok Ue a piano, ne valeva la pena'-Recovery: Draghi incassa ok Ue a Pnrr, 'è giorno orgoglio, ora sfida riforme'

Sige: “Pandemia Covid-19 rischia di aumentare casi cancro colon retto”

Condividi questo articolo:

Roma, 6 ott. (Adnkronos Salute) – Il ritardo negli screening, causato dalla pandemia di coronavirus, rischia di far aumentare i casi di cancro del colon retto che in Italia, secondo i dati Aiom-Airtum, nel 2018 è stato diagnosticato a circa 28.800 uomini e 22.500 donne. L’implementazione degli esami di screening attraverso il test del sangue occulto fecale ha dimostrato di essere in grado di ridurre l’incidenza e la mortalità nelle popolazioni controllate, di età compresa tra 50 e 69 anni. L’epidemia da coronavirus rischia però di rallentare gli importanti risultati sinora ottenuti. A lanciare l’allarme è la Società italiana di gastroenterologia ed endoscopia digestiva (Sige), in occasione della pubblicazione di uno studio recentemente condotto dall’Università di Bologna.

“Lo studio – sottolinea Luigi Ricciardiello, professore di Gastroenterologia dell’ateneo bolognese e consigliere Sige – ha dimostrato che ritardi negli screening superiori ai 6 mesi porterebbero a un aumento dei casi in stadio avanzato e che, per ritardi superiori ai 12 mesi, la mortalità a 5 anni aumenterebbe del 12%”. L’esperto evidenzia dunque l’importanza della diagnosi precoce. Il numero dei pazienti colpiti da cancro del colon retto è infatti costantemente diminuito nel tempo grazie alla capillare attività svolta dai centri screening regionali e dai centri di endoscopia digestiva dove sono erogate le colonscopie.

“La ricerca in ambito endoscopico, con la finalità di prevenire e trattare il cancro del colon retto in modo più preciso ed efficace, ha portato allo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale – dichiara Alessandro Repici, professore di Gastroenterologia di Humanitas University, responsabile di Endoscopia digestiva dell’Irccs Humanitas di Rozzano (Milano) e membro del Consiglio direttivo della Sige – Queste nuove tecniche, oltre a consentire una maggiore precisione e una conseguente riduzione del carico di lavoro, permettono di differenziare le lesioni tumorali in base alle caratteristiche macroscopiche o vascolari e, in generale, una loro migliore rilevazione”.

Purtroppo la pandemia da Sars-CoV-2 ha determinato un arresto dei programmi di screening, sia in Italia che all’estero, dovuto ai lockdown ma anche alla necessità di riorganizzare i servizi e fare fronte all’emergenza. E’ quindi fondamentale sensibilizzare costantemente la popolazione a sottoporsi all’esame del sangue occulto fecale poiché lo screening salva la vita. “L’attività di screening – conclude Maurizio Vecchi, professore di Gastroenterologia presso l’Università degli Studi di Milano e componente del Consiglio direttivo Sige – deve rimanere prioritaria sulla popolazione in virtù dell’alta incidenza della malattia sul nostro territorio, eventualmente anche attraverso percorsi alternativi che ne facilitino l’erogazione”.

Questo articolo è stato letto 9 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net