ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lav, mucche in condizioni raccapriccianti in allevamento già denunciato-**Dl semplificazioni: bozza, Commissario Arcuri si occuperà di ripresa anno scolastico**-Villarosa: "Piazza Affari deve tornare sotto controllo italiano"-Mafia: arresti Trapani, gip nega manette per ex deputato Ruggirello-Vivendi: rafforza i suoi impegni di Corporate Social Responsibility-Mafia: ordinanza, 'arresto Ruggirello duro colpo per boss Asaro'-Fase 3: prezzi case a Milano già in aumento, nel secondo trimestre +7%-Psoriasi malattia sottovalutata, mozione per 'Carta delle priorità'-Coronavirus: hotel Michelangelo ha ospitato 511 persone in quarantena, età media 42 (2)-Dl semplificazioni: Conte, 'legalità e trasparenza, procedure veloci per certificazione antimafia' (2)-Dl semplificazioni: Conte, 'ricostruzioni più semplici ma senza consumo suolo'-Aspi: Conte, 'non siamo ancora riusciti a sbloccare dossier, concessionario blindato'-Alitalia: Conte, 'compagnia deve camminare con proprie gambe'-**M5S: Casaleggio arrivato a P.Chigi per incontro con Conte**-Ex Ilva: Conte, 'ritardo ma dossier va avanti'-Dl semplificazioni: Conte, 'legalità e trasparenza, procedure veloci per certificazione antimafia'-Coronavirus: hotel Michelangelo ha ospitato 511 persone in quarantena, età media 42-Pil: Conte, 'calo significativo e previsto, non ci lasciamo spaventare'-Industria: Spada (Assolombarda), 'sì a 4.0 strutturale, mai compreso perché smontata'-Dl semplificazioni: Conte, 'cittadino deve sapere se tempi Pa rispettati o sforati'

Pensare a un mondo totalmente rinnovabile è possibile?

Condividi questo articolo:

Comuni, città, paesi interi puntano al soddisfacimento del 100% del proprio fabbisogno energetico con l’energia verde e, in alcuni casi, ci sono già riusciti

 

Sembra un obiettivo impossibile da raggiungere: un’utopia, quasi. Eppure è sempre crescente il numero di piccole e grandi realtà che stanno mettendo mano al loro modo di produrre energia, a favore di una sostenibilità totale, grazie all’appoggio di politiche favorevoli -che sono un tassello indispensabile per il successo. Si parte sempre dall’indipendenza sul piano dell’energia elettrica per, poi spostarsi nel campo del riscaldamento e della climatizzazione e in seguito in quello dei trasporti, e utilizzare vento, sole, geotermia, mare, moti ondosi, risorse idriche e biomasse per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, affrontare e rispettare il cambiamento climatico e stimolare la creazione di posti di lavoro locali.

Il Renewables 100 Policy Institute sostiene che non è questione di «se» farlo, ma solo questione di «quando» e «come», visti i tempi in cui si esauriranno le fonti energetiche convenzionali, e le prime risposte sono arrivate da 8 paesi, 60 regioni, 55 città in tutto il mondo che hanno deciso di affrancarsi completamente dalle energie convenzionali in favore di obiettivi rinnovabili al 100% in uno o più settori.

Oltre allo stato delle Hawaii o alla prefettura di Fukushima, che hanno fissato obiettivi di indipendenza elettrica dai combustibili fossili entro 25 o 30 anni, o isole come la caraibica Aruba che promettono di riuscirci entro 5 anni, ci sono esempi come l’isola di Eigg, in Scozia, già indipendente al 100% dall’elettricità e al 90% in tutti gli altri campi. La Danimarca è il primo paese europeo che, grazie a uno studio dell’Agenzia per l’Energia, si pone come obiettivo di soddisfare con le rinnovabili il 100% di elettricità e riscaldamento entro il 2035 e tutti gli altri consumi entro il 2050 e l’Università di Stanford ha addirittura studiato un piano per far raggiungere questa indipendenza agli Stati Uniti (http://thesolutionsproject.org/) entro il 2050.

È davvero un obiettivo impossibile? Un’utopia? Pare di no.

In Italia, Legambiente sta mappando le buone pratiche e Greenpeace ha pubblicato un report su come potrebbero rendersi energeticamente indipendenti alcune delle nostre isole -sulla base degli esempi di isole sostenibili che ci sono in tutto il mondo, compresa quella scozzese di Eigg, ma siamo ancora lontani da un piano politico nazionale di risorse e incentivi che punti a un obiettivo alto.

Come dice il Renewables 100 Policy Institute, aspettiamo che arrivi anche il nostro momento.

Ma quando?

E.C.

Questo articolo è stato letto 5 volte.

energia, Renewables 100 Policy Institute, rinnovabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net