E' stato varato il Quinto Conto Energia. Il settore fotovoltaico non gradisce

Il Quinto Conto Energia ha visto la luce tra polemiche, aspettative e promesse. E' stato firmato il decreto interministeriale sulle rinnovabili che rimodula gli incentivi al fotovoltaico

Il Quinto Conto Energia è nato. Cambia il sistema di incentivi al fotovoltaico, per effetto del Quinto Conto Energia. Il provvedimento approvato dai ministri Corrado Passera, Corrado Clini e Mario Catania relativo agli incentivi alle rinnovabili dall'anno prossimo prevede un aumento di soli 3 miliardi di euro rispetto ai 6 miliardi di euro previsti dalla normativa attuale, conosciuta come Quarto Conto Energia, approvato e promulgato meno di un anno fa dall'allora Governo Berlusconi. Quindi ci sara' un contenimento di spesa pari a circa 3 miliardi. Questo portera' anche ad una maggiore omogenieta' dell'andamento della bolletta elettrica. 

Il Quinto Conto Energia cosa prevede? Non solo incentivi al fotovoltaico, ma anche alle altre fonti rinnovabili. La spesa per gli incentivi alle rinnovabili elettriche non fotovoltaiche crescera' dai 3,5 miliardi attuali fino a 5,5 miliardi l'anno per poi essere stabilizzata entro il 2020. E' quanto prevede il decreto ministeriale varato oggi, che entrera' in vigore dal 1 gennaio 2013. Per controllare la potenza annua installata, gli impianti oltre i 5 Mw (soglia che sale a 20 per l'idroelettrico e il geotermico) accederanno agli incentivi tramite aste al ribasso nei limiti di quantitativi predeterminati di potenza annua. Le strutture di potenza compresa tra i 50 Kw e i 5 Mw avranno accesso alle tariffe previa iscrizione ad appositi registri del Gse. Gli impianti sotto i 50 Kw saranno liberi di accedere agli incentivi dopo l'entrata in esercizio. Il quantitativo di questa categoria viene detratto dal contingente a registro nell'anno successivo.

Il Quinto Conto Energia darà vita a molte polemiche nel settore del fotovoltaico soprattutto. D'altronde la bozza del Quinto Conto Energia uscita solo qualche settimana fa aveva già provocato molte polemiche. (red)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER