Riciclo, come creare una lampada in cartone

La cameretta del vostro bambino ha bisogno di una bella lampada da comodino? Affidatevi al cartone. Ecco la ricetta per trasformare un vecchio scatolone in un originale paralume

Italia, popolo di creativi, questa espressione è vera anche quando si parla di riciclo. Ed è proprio in tempo di crisi che la voglia di ingegnarsi e di, come dicono gli inglesi, “do it yourself” potrebbe diventare un ottimo tempo libero. Tanti oggetti per se stessi, per arredare la propria casa, da tenere, vendere o regalare. Dal divano al portapenne, dall’accessorio alla borsetta: tutto può rinascere da tutto. Basta un mobile vecchio, una camicia da buttare, il cartoncino della carta igienica terminata, i gusci delle uova, un po’ di fantasia e qualche minuto.

Ecoseven.net vi propone come creare una lampada da comodino in cartone. Armatevi del necessario: un portalampada, un cartone, pennelli e colori acrilici (a bassa tossicità), vernice di finitura lucida all’acqua, un taglierino o un paio di forbici, carta da decoupage, scotch carta, colla vinilica e colla a caldo.

Per prima cosa, prendete il vostro cartone e disegnate, con l’aiuto di un righello, la sagoma del vostro paralume. Dopo averla ritagliata, utilizzatela per ricalcare sul cartone restante le altre 3 facciate, in modo che risultino di uguale misura. Riprendete il cartone, tracciate e tagliate una base quadrata, con al centro un foro circolare per inserirvi il portalampada. Unite i bordi delle 4 facciate e fissateli, internamente ed esternamente, con dello scotch carta. Inserite all’interno del cono creato la base, e passate un po’ di colla a caldo su tutti i bordi.

Ora al nostro paralume manca solo un po’ di fantasia. Munitevi, quindi, dei colori scelti e dei pennelli da pittura. Con la carta per decoupage potete anche creare forme divertenti per decorazioni originali: stelline, animali e tutto ciò che vi viene in mente. Applicatele sul vostro paralume, passate un po’ di colla vinilica diluita in rapporto 1:2 e, a fine lavoro, la finitura lucida all’acqua. Il gioco è fatto.

 

(Flavia Dondolini)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER