PULIZIE CREATIVE / SOLUZIONI ECO PER LA CURA DELLA CASA 3

Continuiamo il viaggio alla scoperta delle soluzioni ecologiche per le pulizie domestiche. Oggi approfondiamo il lavaggio di piatti e pentole a mano, oltre che delle soluzioni per sgrassare e togliere gli odori da forni e frigoriferi

Come sappiamo, alla fine dei nostri pranzi e delle nostre cene, avanzano un buon numero salviette di carta sporche che non potendo essere gettate nel contenitore della carta finiscono nel “tal quale”. E se invece le usassimo per togliere dai piatti le tracce di unto e di sughi? Questo semplice gesto ci farà sicuramente risparmiare detersivo, a prescindere che vengano usati per la pulizia prodotti naturali o chimici.

Cogliamo la palla al balzo - o meglio il piatto in mano - cominciando proprio dalle soluzioni per la pulizia delle stoviglie.

Pulizia di piatti e pentole a mano

La prima cosa che dobbiamo fare è recuperare le salviette di carta usate durante il pasto e passarle all’interno di pentole e stoviglie per togliere oli e sughi in eccesso. Una volta diluito del bicarbonato in acqua ed inserita la soluzione all’interno di un flacone spray, possiamo trattare i piatti e lasciarli riposare un minuto. Successivamente impiegheremo il detersivo ecologico (di cui abbiamo parlato nei precedenti articoli) o poche gocce di quello tradizionale. Pulizia ed igiene sono garantite al 100%. Nel caso di pentole incrostate sciogliere due cucchiai di bicarbonato all’interno della pentola incrostata e metterla sul fuoco. Meno di 5 minuti e rimuoverete lo sporco con un dito! Assolutamente da provare anche l’effetto sgrassante dell’acqua di scolatura della pasta e del riso, purché ancora bollente. L’amido contenuto al suo interno è uno sgrassante naturale davvero efficace. Per una soluzione antiodore provate con il limone vecchio o avanzato. Unitelo all’acqua di lavaggio dei piatti. E quando avrete le mani a mollo potete anche non indossare i guanti: il limone irrobustisce le unghie!

Pulizia di forno e frigo

Mai usare prodotti a base di soda caustica o solventi. Niente allarmismi di sorta ma se restano residui di queste sostanze chimiche nei forni tradizionali o a microonde, rischiamo che possano finire su ciò che mangiamo. Ecco allora basterà mettere una pentola con acqua a bollire. Spento il fuoco aggiungiamo del bicarbonato e una spruzzata di limone o di aceto (il limone può essere usato a spicchi anche per pretrattare le pareti del forno). Versiamo tutto nello spruzzino e trattiamo le superfici da pulire e igienizzare. Basterà poi usare una spugna ruvida imbevuta di questa soluzione all’interno di forni e frigoriferi per togliere incrostazioni e sporco più difficile. Come soluzione finale contro gli odori usiamo un vasetto in plastica (quello dello yoghurt va benissimo) e versiamo al suo interno della polvere di bicarbonato. Collochiamo il contenitore in frigo ed il gioco è fatto. Una soluzione antibatterica altrettanto naturale? Tenete un cucchiaino o un piccolo oggetto d’argento in frigo.

(Vincenzo Nizza)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER