Architettura: dal container in disuso al mini loft di lusso

Container non solo per situazioni d'emergenza, ma utili anche per l'edilizia abitativa a basso costo. Da Seattle arriva Cargotecture: con il riuso, dei mini loft a 5 stelle.



Container e materiali in disuso per l'edilizia abitativa in larga scala. Inizia da qui l'opera di uno studio di Seattle, HyBrid Architecture: capitalizzare l’esistente e adattare i materiali e le tecnologie già disponibili per nuovi usi.
Nasce così Cargotecture, un tipo di edificio parzialmente o interamente costruito con container ISO riciclati in 4 modelli dalle diverse dimensioni.
Cargotecture C320 è il primo modello che ha dato il via alla serie: C sta per Cargotecture, mentre 320 indica la superficie abitabile (ca. 30 mq), ottenuta dall’affiancamento di due container standard ISO 20’ box. Il risultato è un mini loft che unisce l'aspetto umile dell’esterno con un'atmosfera raffinata degli interni in legno. La copertura è protetta da vegetazione che, oltre a migliorare le prestazioni del fabbricato in termini di isolamento e a garantire tutti i vantaggi del tetto verde, lo rende adattabile a qualsiasi contesto paesaggistico. Il montaggio, poi, è estremamente semplice e poco impattante in fase di cantiere: le fondazioni in cemento armato sono concepite in modo tale che il container vi sia semplicemente appoggiato. Una volta chiuso, il modulo riprende le sembianze di contenitore universale per il trasporto di merci.

wp7f7f7396 05

Il singolo prototipo ha un costo di 1.800 dollari: 45 sono i giorni per fabbricarlo interamente, mentre 16 le ore impiegate per appoggiarlo alle solide fondazioni. La ridotta superficie utile è in grado di ospitare una comoda nicchia per il letto, una per i servizi igienici, una per la cucina, mentre il resto dello spazio, circa il 75%, è un open space da destinare a soggiorno, pranzo, studio, a seconda delle esigenze. Gli interni dell’abitazione sono impreziositi da dettagli in acciaio inox, mentre il rivestimento delle pareti ed il pavimento sono in legno compensato dalla finitura molto resistente. I mobili contenitori, invece, sono realizzati in un materiale composito in fibre di carta riciclata e resine fenoliche.

hybrid-cargotecture-c192-nomad
Un accorgimento intelligente che mostra una forte attenzione al ciclo di vita del materiale, ma anche un mezzo capace di affrontare e risolvere le grandi sfide dell’urbanizzazione: sfruttando la modularità dei blocchi è possibile originare configurazioni di aggregati urbani che, con un attento esercizio di composizione, risulta particolarmente utile in quei contesti dove la domanda abitativa è urgente e richiede uno sforzo economico rilevante per la città.
-fd-

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER