Big bird: una nuova specie in due sole generazioni

Condividi questo articolo:

I ricercatori hanno scoperto come le nuove specie siano capaci di evolvere a una velocità incredibile

Su un’isola remota nell’arcipelago delle Galapagos, un uccello, soprannominato «Big Bird» dai ricercatori, ha dato lo spunto agli scienziati per indagare sulle incredibili possibilità dell’evoluzione. In un rapporto pubblicato sulla rivista «Science», i ricercatori della Princeton University e della Uppsala University hanno dimostrato come la nuova specie Big Bird sia emersa in sole due generazioni.

Questo studio proviene dalla ricerca di Darwin sui fringuelli delle isole Galapagos. Poiché questa luogo è straordinariamente remoto, consente ai ricercatori di esaminare l’evoluzione come se fossero in una bolla, osservando il potere della natura che si svolge proprio davanti a loro. B. Rosemary Grant e Peter Grant, due scienziati di Princeton, hanno osservato questa evoluzione direttamente sulla piccola isola di Daphne Major nel corso di quattro decenni.

Tutto ebbe inizio nel 1981, quando uno degli studenti laureati della Grant notò un uccello maschio il cui canto era un po’ diverso, con un corpo e un becco molto più grandi delle tre specie native di Daphne Major. Campioni di sangue e di DNA hanno permesso ai ricercatori di scoprire che lo strano nuovo uccello era in realtà un grande fringuello dei cactus della specie Geospiza conirostris dell’isola di Española, a più di 100 km da Daphne Major. L’uccello si è accoppiato con un fringuello nativo, il Geospiz fortis, e ha creato un lignaggio completamente nuovo di Big Bird. Questo è successo perché il fringuello del cactus non poteva volare verso casa, quindi è stato costretto a scegliere un compagno da una delle specie di uccelli di Daphne Major invece che della sua isola.

I ricercatori coinvolti in questo studio hanno notato che tale straordinaria e rapida evoluzione è stata resa possibile dall’isolamento riproduttivo, che è un passo fondamentale nella creazione di una nuova specie dall’incrocio di due specie separate. Prima d’ora, era ampiamente accettato che l’evoluzione di una nuova specie impiegasse un tempo incredibilmente lungo. Tuttavia, a causa delle circostanze uniche e dell’ambiente offerto da questo arcipelago isolato, Big Bird ha dimostrato ai ricercatori che l’evoluzione di una nuova specie è possibile in sole due generazioni.

A quanto pare nonostante l’inquinamento e i cambiamenti climatici, gli uccelli riescono comunque a farcela.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

Big Bird, evoluzione, Galapagos, scienza, specie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net