A Roma Giardiniterrazza, quando la natura ‘sposa’ il design

Condividi questo articolo:

Il parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma si copre di verde in occasione della kermesse dedicata a giori, piante e giardini. L’evento, che si svolgerà dal 20 al 22 maggio, promuoverà attraverso soluzione che coniugano design e giardinaggio la tutela del verde nelle nostre città

Non solo fiori e piantine sui balconi di Roma, ma dei veri e propri “Giardininterrazza”. Dal 20 al 22 maggio il Parco pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Renzo Piano ospita l’iniziativa – quest’anno alla sua prima edizione – tesa a mettere insieme il “verde” con il design.  L’obiettivo è quello di promuovere attraverso il paesaggio, il giardinaggio, l’architettura e il design la tutela del verde cittadino e della sostenibilità ambientale. Nel corso della manifestazione è previsto l’evento “Le follie d’autore”, uno spazio di sette istallazioni libere e creative selezionate da un apposito comitato scientifico e sviluppate intorno all’idea del terrazzo; e “Balconi per Roma”, al fine di dimostrare come sia facile creare il proprio angolo di verde in città.  E non solo: previste anche presentazioni di libri di settore e iniziative tese a sensibilizzare le nuove generazioni alla natura. Tutto è nato quando un gruppo di donne unite dall’obiettivo comune di far crescere nelle persone il desiderio di rendere la propria città “più verde e più sana”, hanno deciso di dare vita al progetto. Giardiniterazza oltre ad essere patrocinata dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma, dal Comune di Roma, e daI Municipio, ha il sostegno da parte dell’ Ordine degli Architetti, dell’ AIAPP e dell’ IN/ARCH. Tutte all’insegna del rispetto del verde.

Nereo Brancusi

Questo articolo è stato letto 14 volte.

cura del verde, ecologia, fiori, giardinaggio, piante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net