Una lampada che si adatta alla vita

Jake Dyson lancia una lampada che fa la luce migliore possibile per la fase della giornata che stai vivendo

La lampada CSYS di Jake Dyson nasce qualche anno fa: è una lampada con una struttura intelligente del tubo di calore, pensata per raffreddare le lampadine a LED. Questa lampada continua ad essere aggiornata. La sua ultima e più recente versione è la LightCycle che ha questa particolarità incredibile di cambiare i colori durante il giorno per adattarsi ai nostri ritmi circadiani.

Come è noto, e come afferma lo stesso Dyson, «i nostri corpi possono essere influenzati dal mutare dello spettro di colori e luminosità della luce del giorno». Per questo la loro nuova lampada si adatta alla luce del giorno che si sta vivendo.

La lampada ha ovviamente ancora i tubi di calore per mantenere fresco il LED, che le dà una buonissima longevità (60 anni, dicono) e ha anche un meraviglioso meccanismo di bilanciamento che consente di spostarla su e giù. Produce molta luminosità ed ha un resa cromatica ottima.

Naturalmente, ha anche un'app che «utilizza l'ora, la data e i dati GPS del telefono per tenere traccia della luce del giorno in cui stai vivendo». In questo modo è in grado di fornire una luce che si avvicina molto a ciò che il sole sta offrendo a te, nella città in cui sei, nel momento che stai vivendo – e questo fa sì che è una lampada diversa per ognuno che la sta usando. Oltre a farla funzionare automaticamente, si può anche regolare manualmente.

Si tratta di una lampada da scrivania molto costosa (600 Dollari), ma il punto è che mette in luce un problema davvero molto importante che riguarda il ritmo circadiani ma anche la reazione del nostro corpo al passare del tempo. Innanzitutto, abbiamo bisogno di determinati passaggi di luce: da una luce più calda e rossa, al mattino, dobbiamo passare a una luce più blu e più fredda a metà giornata, per poi andare di nuovo sul rosso la sera.

E poi è importante sostenere i nostri corpi che, mentre invecchiano, hanno bisogno di sempre più luce. Da questo punto di vista, un approccio del genere potrebbe davvero fare la differenza.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER