Vitamina D e pancia

Un nuovo studio rivela un collegamento tra il grasso addominale e i bassi livelli di vitamina D

Le persone obese molto spesso accumulano il grasso in eccesso sulla pancia: secondo un nuovo studio, questa particolare condizione mette a rischio di una carenza di vitamina D. Una scoperta che evidenzia un altro danno che l'obesità provoca sulla salute – anche perché i bassi livelli di vitamina D si portano dietro una scarsa salute delle ossa, un aumento del rischio di infezioni respiratorie, malattie autoimmuni e disfunzioni cardiache.

Quello che viene fuori dallo studio è che esiste una forte relazione tra quantità crescenti di grasso addominali e bassi livelli di vitamina D, quindi le persone che hanno un ampio girovita dovrebbero considerare di controllare i loro livelli di questa vitamina.

I risultati a cui gli scienziati sono giunti derivano da un'analisi dei dati raccolti da uno studio epidemiologico sull'obesità nei Paesi Bassi che ha permesso di collegare livelli più elevati di grasso addominale a un'ulteriore probabilità di avere bassi livelli di vitamina D tra uomini e donne che soffrono di obesità. Tra gli uomini obesi, inoltre, anche livelli più elevati di grasso totale, non solo sulla pancia, sono stati collegati a livelli più bassi di vitamina D, mentre tra le donne no. Tra le donne, tuttavia, quantità elevate di grasso del fegato erano legate a una bassa vitamina D – collegamento che non valeva per gli uomini.

Non è chiaro se la bassa vitamina D induca le persone a immagazzinare il grasso sull'addome o se l'eccesso di grasso della pancia inneschi in qualche modo i bassi livelli di vitamina D: ma questo sarà di certo il punto focale degli studi futuri, hanno detto i ricercatori.

Il team di scienziati che ha curato questa ricerca preliminare l'ha presentata alla European Society of Endocrinology di Barcellona – ma la ricerca sarà considerata preliminare fino alla sua pubblicazione su una rivista.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER