Qual è il rapporto tra vitamina D e cancro?

Secondo uno studio giapponese durato  16 anni, una maggiore concentrazione di vitamina D è associata a un minor rischio di tumore

La vitamina D è essenziale per il nostro organismo e di giorno in giorno gli studiosi scoprono qualcosa di nuovo riguardo al suo ruolo all’interno del corpo umano. Per questo, i ricercatori giapponesi hanno condotto uno studio su 33.736 soggetti di età compresa tra i 40 e i 69 anni. All’inizio sono state raccolte informazioni dettagliate sulla loro storia medica, sulla dieta e sullo stile di vita. Quindi sono stati presi campioni i sangue per misurare i livelli di vitamina D.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in quattro gruppi, a seconda del livello di vitamina D, e li hanno osservati per 16 anni, registrando più di 3.300 nuovi casi di cancro. Dopo aver valutato i fattori di rischio della malattia, come età, peso, livelli di attività fisica, fumo, consumo di alcol e dieta, hanno scoperto che i partecipanti con un livello più elevato di vitamina D avevano un rischio inferiore del 20-25% di sviluppare un tumore di qualsiasi tipo. Per il fegato, il rischio era perfino del 30-55% inferiore, un’associazione ancora più evidente negli uomini che nelle donne.

Inoltre, hanno scoperto che i livelli di vitamina D riducono il rischio di carcinoma mammario in pre-menopausa, ma non di cancro alla prostata e ai polmoni. Tuttavia, non sono riusciti a determinare la concentrazione ottimale di vitamina D capace di ridurre il rischio di cancro.
La vitamina D regola l'assorbimento di calcio e fosforo, aiuta il sistema immunitario e rinforza muscoli, ossa e denti. Gli studi hanno anche suggerito che può aiutare a prevenire raffreddori e combattere la depressione. Per capire se ne abbiamo abbastanza, occorre fare delle analisi e non ignorare i campanelli d’allarme.

COME OTTENERE VITAMINA D?
Ecco alcuni modi per assumere una quantità sufficiente:
- esponiti alla luce solare. La vitamina D viene sintetizzata quando la pelle è esposta al sole. Bastano 20-25 minuti;
- mangia cibi ricchi di vitamina D, ad esempio pesci grassi, come salmone, trota, sgombro, tonno e anguilla;
- prendi un integratore.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER