Il buon umore per aiutare il sistema immunitario

Un animo positivo può aiutare la risposta degli anziani all'influenza, secondo un recente studio

L'unica preoccupazione che dovremmo avere è quella di essere felici: suona quasi come un paradosso questa convinzione, ma è una grande verità su noi stessi confermata di recente anche da uno studio scientifico. A quanto pare, infatti, il buon umore potrebbe aiutare il nostro corpo a superare più in fretta l'influenza.

Il nuovo studio, pubblicato su «Brain, Behaviour and Immunity», rivela che le persone anziane che hanno un animo positivo sono capaci di reagire alla malattie con una migliore risposta del sistema immunitario.

I ricercatori britannici hanno seguito 138 persone dai 65 ai 85 anni, che sono stata vaccinate nel biennio 2014-15. Facendo dei test nelle settimane prima e dopo le loro malattie, gli scienziati hanno registrato l'umore, lo stress, i pensieri negativi, i modelli di sonno, la dieta e altre misure di salute psicologica e fisica. A quel punto, hanno valutato la risposta dei loro anticorpi al vaccino con esami del sangue, 4 e 16 settimane dopo le loro iniezioni.

Hanno scoperto che a una maggiore serenità sono stati associati livelli più elevati di anticorpi anti-H1N1, un ceppo di influenza potenzialmente pericoloso. Nessun altro fattore misurato è stato associato a una migliore risposta immunitaria.

Gli autori riconoscono che non sono stati in grado di controllare tutte le possibili variabili e che il loro studio osservazionale non riesce a dimostrare una correlazione tra causa ed effetto, ma il punto è che, a differenza di altri fattori che potrebbero influenzare l'efficacia del vaccino, questo lo possiamo controllare. Quindi: perché non provarci?

Essere felici, sereni, di buon umore non ha controindicazioni.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER