Il Boro e le sue proprietà

Secondo la scienza, il boro agisce su infiammazioni, cancro e osteoporosi

Qual è il comune denominatore tra artrite, osteoporosi e cancro? Il boro. Spesso trascurato, questo minerale svolge un ruolo importante nell'assicurare articolazioni sane, ossa forti e nella prevenzione di alcuni tumori, come messo in luce negli anni da ricerche scientifiche universitarie, reperibili online su riviste come “Environmental Toxicology”, “Integrative Medicine: a Clinician’s Journal” o “Alternative Medicine Review”.

Il boro si trova nella frutta, nella verdura, nelle noci e nei legumi e, nel corpo umano, si concentra nei capelli, nelle unghie, nella pelle e nelle ossa. E’ stato dimostrato che ha un impatto sul metabolismo, sulle funzioni cerebrali e i livelli ormonali. A causa del suo ruolo nel metabolismo minerale, in particolare nella produzione di vitamina D, nell’assimilazione del calcio, nella regolazione dell’ estradiolo e nella produzione di ormoni associati alla formazione ossea, l’assunzione di boro è considerata importante per la prevenzione dell’osteoporosi e dell’artrite.

Sì, il boro è anche un antinfiammatorio: secondo una ricerca pubblicata sull’ International Journal of Basic & Clinical Pharmacology, infatti, riduce significativamente l’infiammazione cronica e agisce perfino sulle infiammazioni croniche granulomatose

Viste le sue proprietà, è facile intuire possa avere un ruolo nella prevenzione del cancro e la scienza, a riguardo, ha già dato alcune risposte.

Gli studi dimostrano che il boro interferisce con il ciclo vitale del papillomavirus umano (HPV), che è un fattore che contribuisce allo sviluppo del 95% dei tumori al collo dell'utero, ha un’azione preventiva nei confronti del cancro al polmone, simile a quella della terapia ormonale sostitutiva, e ha un ruolo importante nel trattamento del mieloma e dei linfoma non Hodgkin.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER