Le cause dei terremoti su Marte

Un nuova teoria dice che i terremoti sul pianeta rosso potrebbero essere causati da acqua sotterranea congelata

L'InSight Mars Lander della NASA si è dedicato all'ascolto attento dell'attività sismica presente all'interno del nucleo del pianeta rosso e ha scoperto che qualcosa si muoveva in profondità, sotto la superficie – all'inizio di quest'anno, infatti, il rover ha registrato il suo primo terremoto.
Ovviamente questo ha portato gli scienziati a chiedersi le causa e, una delle risposte, ha aperto lo spazio a una nuova teoria su ciò che potrebbe causare i terremoti. Michael Manga, uno scienziato della University of California, Berkeley, ha detto che potrebbe dipendere dall'acqua sotterranea congelata.

Come ha raccontato in un articolo pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters: durante il giorno, l'acqua sotterranea liquida penetra in piccoli pori del terreno e, quando di notte, le temperature si abbassano, gli strati più superficiali delle acque sotterranee si congelano, generando una pressione all'interno di quei pori. Questa pressione potrebbe essere quindi la causa del tipo di terremoto che il lander della NASA ha registrato: un terremoto appena sotto la superficie marziana.
Questa teoria – che individua come catalizzatori dei terremoti la luna di Marte, Fobos, o i cambiamenti di pressione nell'atmosfera del pianeta causati dal riscaldamento e dal raffreddamento del Sole – potrebbe anche spiegare altri schemi del paesaggio sul Pianeta Rosso, come le creste ghiacciate e i vulcani.

Nell'articolo, inoltre, Manga fa molti paragoni con il processo di fracking, che funziona esattamente nello stesso modo, solo che è un sistema artificiale e dannoso per l'ambiente, che viene utilizzato sulla Terra per permettere a gas naturale e petrolio di fluire più liberamente. Secondo gli scienziati, il fatto che si siano registrati tremendi terremoti in luoghi dove il fracking era stato utilizzato potrebbe non essere un caso e quindi la teoria di Manga potrebbe significare qualcosa anche sulla Terra.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER