Milano, vuoi ascoltare Mozart? Devi pedalare. Iniziativa di Edison per la Prima alla Scala

Condividi questo articolo:

Dall’1 al 6 dicembre 4 bici-generatori in Piazza della Scala per regalare energia pulita alla Prima e a Milano. L’energia prodotta dalle pedalate dei milanesi si aggiungerà a quella green, della centrale sull’Adda, che alimenterà la Prima più famosa d’Italia

 Il Comune di Milano ed Edison portano il Don Giovanni di Mozart, l’opera che inaugura la stagione 2011-2012 del Teatro alla Scala, in città con una serie di iniziative che si svolgeranno a dicembre e gennaio.

La prima di queste iniziative è “Vuoi ascoltare Mozart? Pedala!”. Dall’1 al 6 dicembre in Piazza della Scala sarà disponibile un sistema di bici-generatori Edison che permetterà ai milanesi di ascoltare le arie dell’opera mozartiana sfruttando l’energia pulita prodotta dalle loro pedalate. Ogni pedalata servirà anche ad accumulare parte dell’energia rinnovabile necessaria a supportare gli altri appuntamenti del Don Giovanni in città.

 

Anche la Prima della Scala sarà interamente green grazie all’energia pulita delle storiche centrali di Edison sull’Adda. Bertini (entrata in esercizio nel 1898), Esterle (1914), Semenza (1920), con l’energia generata dalle acque dell’Adda, permetteranno l’azzeramento delle emissioni del Don Giovanni.

 

In questo modo sarà evitata l’emissione nell’ambiente di 68 tonnellate di anidride carbonica, una delle principali cause dell’effetto serra. Il consumo elettrico dell’opera inaugurale e delle sei settimane di prove che la precedono è di 127.000 kWh (7.000 kwh per la serata, 120.000 kwh per le prove), pari al consumo medio annuo di 42 famiglie.

 

Attiva dal 1881, nel 1883 Edison avvia la centrale di Santa Radegonda, primo impianto termoelettrico d’Europa. Ma è nel 1898 che la Edison inaugura la centrale idroelettrica Bertini sul fiume Adda (a quel tempo la seconda più grande al mondo) e la completa con un sistema di trasmissione grazie al quale Milano poté dotarsi di una rete elettrica all’avanguardia per l’epoca.

 

Le richieste di energia di Milano, con le sue abitazioni e le sue industrie, aumentarono esponenzialmente ed Edison seppe garantire alla città tutta l’energia necessaria al suo sviluppo. Uno sviluppo alimentato dal nucleo idroelettrico sull’Adda, che è tuttora produttivo e in piena efficienza.

 

Rinnovabile è anche l’energia prodotta dalle pedalate dei milanesi che in questo modo moltiplicheranno le occasioni d’incontro con l’opera mozartiana. Per essere aggiornati sulle iniziative del “Don Giovanni in città” Edison ha lanciato un apposito sito che si arricchirà del contributo dei milanesi stessi.  L’indirizzo è http://dongiovanni.edison.it, oppure http://twitter.com/edisonnews per seguire la diretta degli eventi (l’hashtag ufficiale è  #dongiovanni) e www.facebook.edison per condividere le immagini e le emozioni.

 

Il calendario degli eventi prevede, oltre a Pedala per il Don Giovanni, i seguenti appuntamenti:

 

 – 5 dicembre ore 21 presso il  Piccolo Teatro Strehler  andrà in scena la lezione spettacolo “Il Don Giovanni e la Commedia dell’arte” di e con Dario Fo, a cura di Franca Rame e con la regia multimediale di Felice Chiappa. L’ingresso è gratuito con ritiro del biglietto e assegnazione del posto.

 

– 6 dicembre ore 18:00 “Don Giovanni, ma non solo: Daniel Barenboim e la Scala incontrano la città”. Il luogo scelto per questo evento è il Teatro ATIR Ringhiera di via Boifava 17, che si trova al centro di uno dei più grandi quartieri popolari di Milano. L’ingresso sarà gratuito fino a esaurimento posti e all’esterno del Teatro sarà posizionato un maxischermo che permetterà a circa 800 persone di seguire l’evento.

 

– 7 dicembre ore 18 le note del “Don Giovanni” giungeranno in contemporanea con il Teatro alla Scala in diversi spazi della città. La Prima sarà infatti trasmessa in diretta al Teatro ATIR Ringhiera, al Teatro della Cooperativa, all’Auditorium CAM (via Valvassori Peroni, 56) e nei cinema Apollo, Gloria, Gnomo, Palestrina e Uci Bicocca coprendo idealmente tutte le periferie della città. Per la prima volta la diretta raggiungerà anche le carceri di San Vittore e di Bollate nella convinzione che il reinserimento sociale di chi ha sbagliato passi anche attraverso il coinvolgimento del detenuto nella vita della città da cui è escluso. (Ingresso gratuito con prenotazione dei posti sui siti dei teatri)

 

– 16 dicembre Piano City Preludio (dalle 20 alle 24). La Caserma Magenta di via Mascheroni sarà l’inusuale teatro di una maratona musicale con 30 pianisti che si alterneranno su 8 pianoforti dislocati nella caserma interpretando liberamente l’opera mozartiana in brevi concerti. (ingresso gratuito)

 

– dal 2 all’11 dicembre WOW Spazio Fumetto ospiterà la mostra “Mozart a strisce, il genio mozartiano raccontato a fumetti”. Una colorata galleria di immagini per raccontare attraverso la preziosa matita di Milo Manara e le avventure di Topolino la vita, l’arte e il mito del compositore. (Viale Campania 12, ingresso libero).

 

– dal 3 al 6 dicembre (dalle 18 alle 22) le arie del Don Giovanni selezionate da Rai Radio 3 accompagneranno il passaggio dei milanesi in Galleria Vittorio Emanuele.

 

– in gennaio il Don Giovanni entrerà nelle scuole medie superiori grazie all’Accademia della Scala che introdurrà gli alunni di dieci istituti superiori milanesi al mondo del teatro musicale,ai suoi mestieri e all’opera mozartiana. (com)

 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

la Scala, milano, mozart, pedalare per ascoltare mozart, Prima della Scala, Prima della Scala di MIlano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net