Ecoinvenzioni, una macchina fotografica per ottimizzare i consumi energetici

Basta puntare l’obiettivo in camera da letto, o in salone, o in cucina ed il gioco è fatto. Sapremo con certezza quali sono i locali delle nostre abitazioni in cui fa più caldo o più freddo. O semplicemente dove la presenza di calore può disperdersi con maggior facilità

Una volta a svolgere questo compito erano scanner molto sofisticati, spesso solo ad uso militare. Oggi il rilevamento del caldo, del freddo e delle dispersioni tecniche è affidato ad una nuovissima macchina fotografica in grado di catturare immagini del tutto chiare e normali, ma con una sola fondamentale differenza: i colori non sono quelli che vedremmo normalmente ad occhio nudo. Sullo schermo si va dall’arancio/rosso di persone ed animali, all’azzurro delle pareti più fredde, al nero che indica materiali e spazi in cui avviene la maggior dispersione di calore. Un’apparecchiatura sicuramente molto costosa (si va dai 7.500 dollari in su’ per acquistarla), ma altrettanto certamente a buon mercato, rispetto a tecnologie più impegnative. Un apparecchio che può aiutare molto a limitare i consumi energetici e a migliorarne l’efficienza, utile con il riscaldamento in inverno ma anche in estate, soprattutto quando cerchiamo rifugio in casa dal caldo della città. La tecnologia di questa apparecchiatura molto compatta si basa sui raggi infrarossi e proprio per la sua versatilità  e la sua praticità d’uso, è già molto richiesta e desiderata da architetti, arredatori e geometri. (Vincenzo Nizza)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER