Ecoinvenzioni: il robot che aspira lo sporco di casa e si autoalimenta con i batteri

Condividi questo articolo:

Il robot ecologico Limbo che si autoalimenta con i batteri che rimuove, rappresenta l’ultima frontiera hi-tech nel campo della pulizia domestica automatizzata

Il robot ecologico che aspira lo sporco dei pavimenti e si autoalimenta con i batteri che rimuove, rappresenta l’ultima frontiera hi-tech nel campo della pulizia domestica automatizzata. Si tratta, in pratica, di un’innovativa soluzione che permette di risparmiare tempo e fatica durante i lavori di ‘manutenzione’ della casa, nel pieno rispetto dell’ambiente. 

Il nuovo robot ecologico, denominato ‘Limbo’, riesce infatti a pulire la casa, senza utilizzare cavi di alimentazione o batterie da ricaricare. L’unica fonte energetica utilizzata da questo dispositivo, presentato dall’azienda ‘Casabella’ all’International Housewares Show 2013 di Chicago, sono i batteri contenuti nella sporcizia rimossa dalle superfici di casa.

Il robot ‘Limbo’ è quindi del tutto autonomo dal punto di vista energetico e completamente ecosostenibile durante il processo di pulizia della casa.

Il robot ecologico ‘Limbo’, in particolare, è composto da un serbatoio sistemato tra due ruote a nido d’ape, dotate di speciali cuscinetti, adatti a qualsiasi tipo di superficie. 

Il robot inoltre, è in grado di salire e scendere le scale e di superare qualsiasi ostacolo, grazie all’integrazione di una telecamera, di un sensore e di un doppio faro che gli permettono di calcolare con precisione i percorsi di pulizia da eseguire, oltrepassando le ‘barriere architettoniche’ della casa. Secondo l’azienda produttrice, il dispositivo dovrebbe uscire in commercio in tempi brevi.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 27 volte.

Batteri, casa, pulizia, robot, robot ecologico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net