Ecoinvenzioni: il prototipo che ci liberera' dalle polveri sottili

E' uno degli inquinanti piu' pericolosi presenti nell'aria che respiriamo, ma fino ad ora contro il particolato o le polveri sottili abbiamo potuto fare ben poco. Is Tech presenta al Forum PA un prototipo che promette di ripulire davvero l'aria nelle nostre città

Uno dei maggiori problemi delle nostre città è l’inquinamento dell’aria, ed uno degli inquinanti più pericolosi e difficili da eliminare è il cosidetto particolato, le temibili polveri sottili. Ogni anno secondo uno studio europeo a causa dello smog si spendono circa 31 milioni di euro, senza contare le malattie respiratorie causate da questi inquinanti.

Se fino ad oggi l’unico argine alle pericolose concentrazioni di polveri sottili nelle nostre città sono stati i temporanei stop al traffico, le domeniche ecologiche o le targhe alterne (interventi tampone, per quanto meritori), una idea ed un prototipo tutti italiani promettono, in futuro, di liberare le nostre città dalle polveri sottili.

Si tratta del sistema APA (abbattimento polveri atmosferiche) presentato da Is Tech al Forum PA, in corso in questi giorni a Roma.

Attraverso un complesso sistema di trattamento, APA è in grado di aspirare l’aria inquinata e reimmettere in atmosfera aria pulita, garantendo un abbattimento di oltre il 90% dei principali inquinanti (dalle polveri sottili ai metalli pesanti, passando per gli idrocarburi).

Organizzato in reti ’intelligenti’, in grado quindi di monitorare i valori di inquinamento dell’aria, scambiarsi ed elaborare dati in rete ed avviarsi quando e dove necessario, il sistema Apa promette di ’ripulire’ l’aria nelle nostre città.

Poco ingombrante, silenzioso,  in grado di funzionare con assorbimenti energetici minimi e senza produrre alcun tipo di rifiuto speciale,è in grado di funzionare in ambienti chiusi o in grandi spazi, nei pressi di una strada trafficata o in un centro densamente abitato. Aspettiamo di vederlo spuntare delle nostre città.

(VG)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER