Un tè deteinato? Senza i soliti solventi

Amate il tè deteinato ma temete l’utilizzo di solventi per il processo di deteinizzazione? Sul mercato italiano si trova anche il tè deteinato con un nuovo metodo di estrazione della teina che prevede l’utilizzo di acqua e anidride carbonica allo stato liquido.

WhatsApp Share

Amate il tè deteinato ma temete l’utilizzo di solventi per il processo di deteinizzazione? Sul mercato italiano si trova anche il tè deteinato con un nuovo metodo di estrazione della teina che prevede l’utilizzo di acqua e anidride carbonica allo stato liquido.

Questo metodo, non prevede l’utilizzo di altre sostanze e preserva maggiormente gli elementi fondamentali contenuti nel , quali polifenoli (antiossidanti), aroma e gusto e altre sostanze benefiche. Questo metodo di estrazione di teina/caffeina è riconosciuto anche dall’ente di certificazione biologica CCPB (http://www.ccpb.it/) quale metodo completamente privo di residui.

Le foglie di tè vengono inumidite con vapore e acqua e successivamente convogliano nell’estrattore insieme all’anidride carbonica. Questa, grazie ad una pressione esercitata da una pompa al di sopra della sua pressione critica e all’aumento di temperatura al suo interno fino a 50-70 gradi centigradi, si trasforma in uno stato liquido. L’anidride carbonica compressa dà così origine alla CO2 supercritica che si unisce, quindi, alle particelle di teina estraendole dalle foglie. La teina e l’anidride carbonica vengono infine eliminate dalle foglie, non intaccando le sostanze che concorrono alla qualità del tè e che lo rendono così apprezzato per le sue virtù. A questo punto la CO2 supercritica torna al suo stato naturale gassoso grazie all’inversione del processo iniziale ed evapora senza lasciare alcun residuo. Le foglie ancora umide vengono, quindi, lasciate asciugare per poi essere miscelate e infine imbustate.

Oggi il processo di estrazione con la CO2 supercritica sostituisce industrialmente il comune solvente organico impiegato per estrarre l’elemento attivo dei prodotti naturali. Questa tecnica trova una delle sue applicazioni principali nell’estrazione della caffeina dal caffè, così come per la produzione di oli essenziali, di principi attivi e nell’estrazione del luppolo per la produzione di birra.

Sir Winston Tea propone il “  Deteinato classico” , il “Tè verde deteinato”, il “Tè verde deteinato al mirtillo” e il “Tè deteinato alla pesca”  , nella versione “Deteinati con un nuovo metodo”.