Germi amici dell’uomo: ci fanno stare in salute

Essere un po’ piu’ sporchi potrebbe aiutarci a stare meglio: qualche germe in piu’ potrebbe essere utile per mantenere e far crescere l'equilibrio dei microbi che vivono dentro e sopra di noi

 

I germi sono amici dell’uomo e per questo tutti dobbiamo essere un poco più sporchi. Il messaggio, insolito, è quello che vuol lanciare al mondo il New York Times, per dire a tutti che qualche germe in più potrebbe essere utile per mantenere e far crescere l'equilibrio dei microbi che vivono dentro e sopra di noi. E per dire questo il magazine ha pubblicato sulla sua copertina un cane che lecca la faccia ad un bambino.

A dire che i germi potrebbero essere amici dell’uomo è Michael Pollan, docente di giornalismo alla Berkeley University of California. È giusto sapere, infatti, che in ogni cellula del nostro corpo abbiamo 10 microbi residenti, commensali, ovvero quelli innocui, mutualistici, che ci aiutano, e, in pochi casi, patogeni. Se questi microbi stanno bene anche noi siamo in salute. Secondo gli esperti dovremmo ‘coltivare’ tutti i microrganismi che ci abitano. Ovviamente questo non vuole essere un invito a non lavarsi, ma a non essere così rigidi con le regole di pulizia e dell’igiene di casa, invitando i bambini a giocare nella terra e a stare a contatto con gli animali.

E ancora. Per far stare ben il nostro corpo e per  mantenere e far crescere l'equilibrio dei microbi che vivono dentro e sopra di noi è bene fare attenzione anche alla somministrazione degli antibiotici ai bambini. È necessario anche ridurre o eliminare i cibi processati, industriali, privi di fibre e con additivi; consumare più prebiotici che incoraggiano la crescita dei batteri 'buoni', consumare cibi fermentati, come yogurt, crauti e cavolo. 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER