ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Governo: Zingaretti, 'Pd non punta e non vuole elezioni anticipate'(2)-Governo: Zingaretti, 'scelta Renzi ha materializzato rischio voto anticipato'-Recovery: Panetta (Bce), 'cogliere opportunità con tempestività e ambizione'-Governo: Zingaretti, 'scelta Renzi ha materializzato rischio voto anticipato'(2)-G20: Panetta (Bce), 'occasione Italia per mettere al centro tema finanza sostenibile'-Coronavirus: Oxfam, da marzo 2020 ricchezza 36 miliardari italiani +45,7 mld-Cinema: è morta l'attrice Gunnel Lindblom, musa del regista Ingmar Bergman-Governo: Zingaretti, 'Pd non punta e non vuole elezioni anticipate'-Perché la polmonite da Covid-19 è più mortale delle altre?-Recovery: al via incontri Pd, Zingaretti vede sindacati-Coronavirus: Oxfam, 1.000 più ricchi del pianeta recuperano perdite in 9 mesi, poveri in 10 anni-Caso Regeni: Rosato, 'diritto a verità, nessuna ragione Stato più importante'-Governo: Morassut (Pd), 'Conte punto equilibrio coalizione'-**Palermo: ragazza morta nel burrone, la Procura 'è stato il fidanzato a ucciderla'**-Brexit: ministro Trasporti Francia, 'Stato sarà presente per sostenere Eurostar'-Palermo: ragazza morta nel burrone, il fidanzato fermato per omicidio volontario-**Palermo: ragazza morta nel burrone, fidanzato non risponde al pm**-Palermo: ragazza morta nel burrone, terminato all'alba interrogatorio fidanzato-Governo: Dal Mas (Fi), 'irrealizzabile e impossibile mio sì a relazione Bonafede'-Coronavirus: Librandi (Iv), 'avere più vaccini non dare soldi ad avvocati'

Un progetto per la vite in via d’estinzione nel Parco Nazionale della Majella

Condividi questo articolo:

Alcune specie di vite selvatica sono a rischio estinzione. In Abruzzo parte un progetto per salvaguardarle

‘Paleovite d’Abruzzo’ è il progetto che punta alla salvaguardia della vite selvatica (Vitis vinifera subsp. sylvestris). Si tratta dell’antenato delle attuali viti da cui produciamo il vino: è selvatica, non coltivata e ha sempre fatto parte della nostra flora.

L’Ente Parco Nazionale della Majella è impegnato in prima linea nell’azione di riproduzione di esemplari dall’unico popolamento presente nella Lecceta di Torino di Sangro. Il progetto, promosso in collaborazione con la Cantina Frentana di Rocca San Giovanni e le Riserve Regionali ‘Lecceta di Torino Di Sangro’ e ‘Bosco di Don Venanzio’, ha come obiettivo immediato il rafforzamento della popolazione nella prima riserva e la creazione di una nuova popolazione nella seconda.

A breve termine invece continueranno la riproduzione da talea e la conservazione del germoplasma, in concomitanza dell’avvio di uno studio sull’idoneità di altri siti localizzati nelle poche aree planiziali costiere ed interne della regione.

‘Gli obiettivi del progetto sono la salvaguardia dall’estinzione dell’unica, piccola popolazione sopravvissuta in Abruzzo, il ripopolamento in altre aree e lo studio della specie in una piccola ‘area di coltivazione’ che permetterà forse di acquisire nuove informazioni utili alla viticoltura, o quanto meno alla sua storia remota in questa parte dell’Italia. Alla riproduzione e conservazione della specie collabora attivamente il Parco Nazionale della Majella attraverso il suo centro di conservazione del germoplasma indigeno’ si legge in una nota della Cantina Frentana.

 

 

Questo articolo è stato letto 2 volte.

Abruzzo, Majella, Vite Selvatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net