Risarcito il giardiniere gravemente malato a causa del glifosato

La Corte ordina alla Monsanto di pagare 289 milioni di dollari nel processo di accusa per il cancro di Dewayne Johnson

A portare in tribunale la Monsanto è stato Dewayne Johnson, responsabile del controllo dei parassiti in una scuola della contea della California, che ha dichiarato che sono stati i prodotti chimici della azienda che gli hanno causato cancro. A condannare la Monsanto è stata una giuria californiana, che ha stabilito che la società ha agito sapendo quanto fosse rischioso lasciare che i suoi diserbanti, come Roundup, stessero sul mercato senza nessun avvertimento riguardo ai pericoli associati al cancro, a causa dell'esposizione al glifosato, e così ha chiesto un risarcimento di 289 milioni di dollari – di cui 39 milioni in danni compensatori e 250 milioni per danni punitivi.
Il processo è stato celebrato nella Corte Suprema della California, a San Francisco, ed è durato tre giorni. Il caso del 46enne, in realtà, era stato archiviato nel 2016, ma è stato sottoposto a processo a causa dell'intensità del suo cancro – i medici hanno detto Johnson potrebbe non vivere oltre il 2020 a causa del linfoma che ha sviluppato durante il suo lavoro.
Johnson utilizzava regolarmente i prodotti Monsanto Roundup e Ranger Pro, entrambi erbicidi contenenti glifosato, una sostanza chimica di cui sono stati più volte narrati gli effetti cancerogeni.
La Monsanto ha in programma di appellarsi al verdetto e ha citato 800 studi scientifici a sostegno degli erbicidi. La compagnia è stata recentemente acquisita per 62,5 miliardi di dollari dal conglomerato tedesco Bayer, che ora si trova di fronte a più di 5.000 cause legali negli Stati Uniti che assomigliano a quella intentata del signor Johnson.
La decisione dei giurati del processo è stata sicuramente influenzata dal fatto che sono stati presentati documenti interni all'azienda, mai visti prima, che dimostravano che la Monsanto sapesse da decenni che il glifosato, e in particolare Roundup, poteva causare il cancro.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER