Un'alga tossica costringe il Mississipi a chiudere tutte le sue spiagge

Probabilmente è colpa dei fertilizzanti usati, ma cresce sempre più il divieto di balneazione

Il Mississippi Department of Environmental Quality (MDEQ) ha annunciato un divieto totale di balneazione nell'oceano fino a quando la fioritura di alghe tossiche non si attenuerà. Nel fine settimana, MDEQ ha aggiunto altre due spiagge all'elenco di quelle in cui è vietato nuotare – la lista ora include tutte e 21 le spiagge dello stato.

Questa fioritura di alghe blu-verdi nocive è quasi sicuramente causata dalle enormi quantità di fertilizzanti che sono entrate negli spartiacque. Quest'anno le precipitazioni insolitamente elevate durante i mesi invernali e primaverili hanno obbligato i funzionari ad aprire lo sfioratore del Bonnet Carré in Louisiana, che alimenta il Golfo del Messico. Uno sfioratore è essenzialmente un serbatoio per l'acqua in eccesso delle dighe, che occasionalmente deve essere rilasciata nell'oceano quando le dighe diventano troppo piene.
A causa delle piogge abbondanti, appunto, lo sfioratore è stato aperto per un totale di 104 giorni (contro i 23 giorni del 2018 e gli 0 giorni del 2017). I funzionari ritengono che la fioritura delle alghe si dissiperà una volta che lo sfioratore potrà essere chiuso di nuovo, perché sarà tagliata fuori la fonte di acqua dolce che - probabilmente - è contaminata dai fertilizzanti.

La fioritura delle alghe è causata da un tipo di cianobatteri che si nutre dei nutrienti provenienti dai fertilizzanti, cioè azoto e fosforo, e che crea una tinta blu-verde nell'acqua e ha un cattivo odore. Secondo una dichiarazione rilasciata da MDEQ, l'esposizione «può causare eruzioni cutanee, crampi allo stomaco, nausea, diarrea e vomito». MDEQ consiglia a quelli che si sono esposti alle alghe di lavarsi con acqua e sapone e sconsiglia in maniera assoluta di mangiare pesce o altri frutti di mare pescati nelle zone colpite.
È assolutamente vietato entrare in contatto con l'acqua, anche se si può ancora sostare sulle spiagge.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER