Qual è la temperatura giusta dell'acqua per lavarsi le mani?

Alcuni scienziati americani negano la teoria che lavarsi le mani con l'acqua calda sia l'unico modo per uccidere i germi

WhatsApp Share

Tra le informazioni che diamo per assodate c'è il pensiero che l'unica maniera per far sì che il nostro lavarci le mani sia veramente utile a livello igienico, quindi totalmente a prova di germi, sia quello di lavarcele con l'acqua molta calda, ma a quanto dicono gli scienziati della Rutgers University-New Brunswick non è vero.

Il loro studio, pubblicato sul Journal of Food Protection, è stato condotto su 20 persone e ha rilevato che utilizzare un'acqua a 15°C lascia le mani altrettanto pulite che un'acqua a 38°C. I 20 volontari sono stati invitati a lavarsi a diverse temperature e con diverse quantità di sapone: prima del test, le loro mani erano coperte di microbi, in modo che i ricercatori ne potessero quantificare la rimozione durante le diverse prove.

I test hanno dimostrato che possiamo sentirci puliti a prescindere dalla temperatura dell'acqua e dalla quantità di sapone che utilizziamo. Una notizia che potrebbe cambiare le linee guida ufficiali sull'utilizzo dell'acqua calda nei locali pubblici, riducendo le bollette grazie all'abbassamento della spesa termica.
Tuttavia, i ricercatori sanno che il loro studio non è molto ampio, quindi hanno deciso di approfondirlo: pensano, infatti, che sia necessario determinare il modo migliore per eliminare tutti i tipi di batteri nocivi.

Quello che possiamo fare noi, intanto, è continuare a lavarci le mani per bene, impegnandoci a strofinarle tra di loro per una ventina di secondi, dopo aver ricoperto di sapone l'intera superficie. A quanto dicono gli esperti basta cantare «Tanti auguri a te» mentre lo si fa, per non sbagliare la tempistica. Se facciamo in modo di far passare il sapone sia sul palmo che sulla parte posteriore della mano, intrecciando le dita per arrivare negli incavi e sui pollici, l'acqua potrà essere anche di 15°C, ma noi saremo al sicuro dai germi.