Primavera. Facciamo fiorire la pelle

La temperatura si fa più mite, i vestiti meno opprimenti e la pelle torna ad essere protagonista di bellezza e benessere. Ecco come farla fiorire al meglio

Durante il letargo dell’inverno, la pelle del nostro corpo giace nell’oblio. Solo con i primi raggi del sole torna allo scoperto ed è giusto prendersi cura di lei. La primavera è il momento ideale per seguire alcuni semplici e naturali passi, a basso impatto ambientali, che possono aiutare a ridarle vita alla epidermide.

 

A causa del freddo siamo sempre coperti, il che può nascondere il vero stato della pelle. Non ce ne renderemo conto di che cosa fare finché non facciamo una valutazione sincera scoprendo braccia, gambe e scolatura. Molto probabilmente troveremo una pelle secca, con scale, flaccidità, colore giallastro ed eccesso di grasso in alcuni punti.

 

Dopo avere dichiarato lo “stato di crisi”, il primo passo è una profonda esfoliazione corporale. È il migliore sistema per eliminare le impurità e le cellule morte che si accumulano nella derma e impediscono la rinnovazione. Si può realizzare al secco, con un guanto ruvido, o con una crema “peeling” corporale. Il risultato è una pelle morbide, con un nuovo tono, pronta per la rinnovazione. Dopo la doccia, sarebbe utile applicare una crema idratante sulla pelle umida. Se è molto secca, si possono preferire i prodotti nutritivi ed emolliente. Una volta pulita, la pelle è molto più ricettiva a prodotti anticelluliti e riaffermanti. Tutti i prodotti devono essere applicati con massaggi vigorosi che stimoleranno la circolazione.

 

D’inverno il corpo richiede un consumo calorico maggiore ma con l’abbassamento delle temperature è necessario modificare l’alimentazione e fermare l’accumulo di tossine. Un consumo intensivo di frutta e verdure, di circa otto razioni al giorno, può essere un’efficace cura per la pelle. Pollo senza pelle, carne di coniglio e pesce, possono essere ottimi piatti per un menu basso in calorie. È importante anche aumentare il consumo d’acqua, un minimo di due litri e mezzo al giorno, per depurare e bruciare i grassi. Si possono prendere tè verde e altri infusi come sostitutivi al caffè.

 

(Gfc)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER