I pesticidi stanno deformando le facce delle scimmie

In Uganda, sono state collegate all'uso di prodotti contro i parassiti le deformazioni evidenti di alcuni scimpanzé

La rivista «Science of Total Environment» ha pubblicato, all'inizio di quest'anno, una ricerca per spiegare come potrebbe essere l'uso di antiparassitari a danneggiare le facce delle scimmie che vivono in Uganda. Un gruppo di 10 scienziati guidati dal Musée de l'Homme di Parigi e dal Progetto di conservazione delle grandi scimmie del Parco Nazionale di Kibale in Uganda ha scoperto babbuini e scimpanzé con deformità facciali in prossimità di un'area agricola. Il 25% delle scimmie che i ricercatori hanno analizzato avevano anomalie come: narici ridotte, problemi riproduttivi, ipopigmentazione, fenditure sul labbro o deformità degli arti.

Le aree agricole vicine al Parco Nazionale di Kibale sono piantagioni industriali di tè mais: molto spesso scimpanzé e babbuini fanno delle razzie in questi spazi ed è proprio questa la causa delle loro deformità. I pesticidi usati nelle colture che loro mangiano li danneggiano.
I ricercatori hanno chiesto alle persone che lavorano nelle fabbriche di tè e nei villaggi quali sono i pesticidi che stati usati e ne è venuta fuori una lista di otto prodotti: glifosato, cipermetrina, profenofos, mancozeb, metalaxil, dimetoato, clorpirifos e 2,4-D amina. Poi hanno preso campioni dai terreni, dai semi, dal mais e dai sedimenti fluviali nei pressi della residenza delle scimmie e hanno scoperto che i livelli medi di pesticidi erano al di sopra dei limiti raccomandati.

Su 66 scimpanzé monitorati, 16 avevano deformità: i ricercatori hanno detto che l'uso eccessivo di antiparassitari potrebbe aver contribuito alle displasie. Inoltre, non bastasse il fatto che questi animali sono importanti per il turismo, secondo l'International Union for the Conservation of Nature, gli scimpanzè sono anche in via di estinzione, quindi proteggerli è davvero una priorità, sotto moltissimi aspetti.
Insomma, facciamolo.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER